Indice del libro

Domande e Risposte

(Volume 1)

Le domande e le risposte sono quelle della prima e della seconda sezione sul sito 'La nuova Via'

 

PRESENTAZIONE

 

ADES

1. Ma il fuoco dell'Ades è metaforico o letterale?

2. Ma l'Ades dove si trova?

3. C’è differenza tra l’Ades e la Geenna?

4. Se l'inferno si trova nella profondità della terra, quando il Signore creerà nuovi cieli e nuova terra, facendo sparire le cose vecchie, dove sarà questo luogo di tormento?

5. L’inferno è stato creato prima che Adamo peccasse?

 

ADI (ASSEMBLEE DI DIO IN ITALIA)

1. Ho sentito dire a Francesco Toppi durante una predicazione mandata in onda su RadioEvangelo: 'Dio non è un Dio di vendette, Dio è un Dio d'amore'; è vero?

2. Devo solo, per correttezza nei vostri confronti e per amore di franchezza, esprimervi il mio sereno disaccordo su una domanda letta nella sezione Domande e Risposte, in particolare quella alla voce A.D.I. Le mie perplessità sono essenzialmente due: 1) La domanda posta mette in evidenza una frase tratta da una predica, estrapolandola totalmente dal proprio contesto. Anche la citazione dal libro ‘A domanda risponde’ non tiene conto che essa è parte di una risposta a una domanda, tra l'altro non riportata, con la quale si voleva mettere in evidenza che l'aspetto di Dio a cui dobbiamo guardare con maggiore fiducia, è il Suo amore, che consente a chiunque si pente, si ravvede e crede in Cristo di ottenere salvezza, indipendentemente dalla gravità delle proprie colpe. Penso che ogni testo fuori dal proprio contesto possa lasciare il campo a qualunque interpretazione. Non so se la persona che ha posto la domanda abbia provato a chiedere direttamente al fratello Toppi la spiegazione di questa frase, se non l'ha fatto penso che ha commesso un errore a chiedere a un altro (con tutto il rispetto e la stima fraterna) prima di chiedere al diretto interessato. Non conosco la predica in oggetto, ma più volte ho sentito il fratello Toppi predicare che chi non si converte dalla propria vita di peccato, soffrirà per l'eternità pene reali in un luogo eternamente separato da Dio il quale farà vendetta di tutte le iniquità che gli uomini hanno commesso garantendo una Giustizia perfetta a seguito di un Giudizio insindacabile. Questo per sottolineare che certamente il fratello Toppi non rifiuta l'idea che Dio è un Dio di vendette (e come potrebbe, i testi riportati nella vostra risposta sono magistralmente chiari), probabilmente (l'avverbio deriva dal fatto che non ho parlato direttamente con Toppi e posso quindi solo fare una deduzione sulla scorta della mia conoscenza che ho di lui) voleva mettere in evidenza, e in tal caso concordo pienamente con lui, che la caratteristica più importante e a cui l'uomo deve guardare con piena fiducia è l'Amore di Dio, anche se c'è da parte di ognuno di noi la consapevolezza che chi rigetterà tale amore, rifiutandone il frutto più glorioso, l'opera e la persona di Cristo Gesù, non potrà far altro che subire un giudizio dal quale scaturirà un verdetto di colpevolezza seguito da una pena eterna. 2) Non sono d'accordo con la scelta del titolo di questa domanda, A.D.I. Per chi non conosce questo movimento, del quale tutto si può dire tranne che rifiuta la dottrina del Giudizio di Dio, potrebbe sembrare che esso rifiuta la realtà biblica della punizione divina e della giustizia divina: ciò non è assolutamente vero. Inoltre riporto queste parole: ‘No, i credenti devono pensare solo all'amore di Dio, alla sua compassione, alla sua misericordia! E così i credenti che ascoltano costoro si fanno un'idea di Dio tutta loro personale, che riflette quella del loro pastore che amano ascoltare. E ovviamente quando costoro che sono abituati a sentire parlare solo dell'amore di Dio e della sua misericordia incontrano un credente che parla anche delle vendette di Dio, allora costui passa per un credente superstizioso, paganizzato da chissà quale idea! Fratelli, nessuno vi seduca con i suoi vani ragionamenti; investigate diligentemente le Scritture e vedrete da voi stessi che Dio è un vendicatore’. Caro scrittore, mi viene un dubbio, ma hai mai ascoltato più prediche di diversi pastori A.D.I.? Mi sembrerebbe strano se tu, avendone ascoltato una sola sull'Amore di Dio, o peggio ancora, non avendone ascoltata mai una (spero di no e che non sia tutto partito solamente da quella domanda), penseresti che essi sostengono che Dio è un vecchio barbuto bonaccione che un giorno perdonerà tutto dispensando fiori e pacche sulle spalle. Se lo pensi devo dirti che sei in errore, non abbiamo mai sostenuto una tale cosa. Dovresti venire nella mia comunità e sentire alcuni passaggi del pastore sulle pene eterne che a volte ti fanno saltare dal banco. L'accostamento della domanda al nome A.D.I. mi sembra quasi come andare al ristorante, leggere male il menù, uscire senza mangiare dicendo poi che il cibo non era buono. Ti saluto augurandomi che tu apprezzi questo chiarimento che ho sentito di dover dare, sperando che tutto sia nato solamente da una tua parziale conoscenza delle dottrine predicate dal fratello Toppi, e più in generale dai pastori delle A.D.I. Dio vi benedica

3. Ti scrivo per porti una domanda che secondo il mio parere è un pò delicata. Circa due mesi e mezzo fa una sorella di un'altra Chiesa ADI ha preso a frequentare una Chiesa della Riconciliazione senza mai abbandonare la chiesa d'origine. Il pastore (che è lo stesso sia della mia comunità che della sua) è venuto a conoscenza di questo fatto e piano piano ha cominciato a toglierle gli incarichi che aveva in chiesa (suonava, era monitrice per la scuola domenicale). Alla fine questa sorella ha cominciato a sentirsi come un'esclusa, era vista male, ed ha definitivamente lasciato l'ADI frequentando con regolarità l'altra Chiesa. Un giovedì durante la preghiera ed anche di domenica nel culto, il pastore ha parlato male di questa Chiesa ora frequentata da questa sorella ed ha criticato ovviamente anche lei. Ieri sera anche io ed un'altra sorella siamo andate (e non per la prima volta) in questa Chiesa dove ho respirato sana fede. Diverse volte dai discorsi del pastore ho inteso che lui non considera fratelli altri credenti di altre chiese (una volta parlandoci disse che in un paese dove c'è stato il terremoto non c'erano credenti, poi ho scoperto che c'erano dei membri della Chiesa dei fratelli). Spero di aver esposto chiaramente la storia. Ora la mia domanda è: posso considerare fratelli/sorelle i credenti di altre confessioni cristiane (per esempio: gli appartenenti alla Chiesa della Riconciliazione, Chiesa dei fratelli, Battisti ecc...)? Ti sarei grata se potessi rispondere a questo mio quesito. Sono certa che anche questa volta, esattamente come le altre, mi darai una risposta esauriente che dissiperà i miei dubbi.

4. Pace cari fratelli. Sono un giovane fratello ….. e frequento una comunità ADI ad Avellino, e vi scrivo perché ho bisogno di alcune risposte secondo la Parola di Dio. Vi prego di aiutarmi, se potete. La mia domanda è questa: è peccato che un uomo non credente, che non frequenta mai le riunioni di culto, che non prega mai, che non è battezzato in acqua e tantomeno in Spirito Santo, diriga un coro di lode nella comunità durante i culti? Se è peccato, io desidererei sapere il perché con la Parola di Dio. Ho bisogno di sapere se DIO approva il nostro coro formato in questa maniera o no. Desidero sapere se basta il fatto di avere un sentimento sincero nel nostro cuore nel lodare il Signore, anche se il direttore del coro non è credente, oppure se la Parola di Dio non è affatto d'accordo con quello che il pastore permette nel coro, e che quindi non basta il nostro buono sentimento ma ci vorrebbe l'ubbidienza alla Sua Parola perché quel servizio resoGli Gli sia gradito. Quest'uomo che dirige il coro è un maestro di musica molto competente, scrive delle basi musicali bellissime, ha dei mezzi straordinari per ascoltare la musica, ma non è credente. Non è uno di noi, non viene mai ai culti, sono 18 anni che è in questa comunità, e non si è mai convertito. Tuttavia gli si permette, come gli si è sempre permesso, di dirigere il coro della comunità, non soltanto durante le prove del coro, ma anche durante i culti, che sono gli unici culti ai quali il direttore viene. Cari fratelli io desidero sapere se sto sbagliando nel restare in questo coro, perché se stiamo partecipando ad un'opera non approvata da Dio, io ne desidero sapere prima di tutto il perché BIBLICAMENTE, e poi lasciare il coro, in base a questi motivi. Spero di essere stato chiaro nel presentarvi il mio dubbio ed il mio problema. Confido in una vostra risposta chiara con la Bibbia, perché è di quella che ho bisogno e non sono riuscito ancora a trovarla precisa e spiegata bene. Attendo una vostra risposta. Vi ringrazio tanto, spero che mi vogliate essere d'aiuto cari fratelli, sono molto confuso a riguardo, che Dio vi benedica molto, a presto.

5. Cari fratelli, pace del Signore. La mia domanda riguarda il parlare in lingue. Sono convertito a Cristo da poco più di 2 anni. Non ho ricevuto ancora il battesimo con lo Spirito Santo, ma questo non mi preoccupa; so bene che Gesù sa quando sarà il momento opportuno. Ultimamente mi è sorto un dubbio che diventa sempre più pressante. Nella comunità che frequento (ADI), durante il momento della preghiera comunitaria, ogni volta che un fratello parla in lingue ad alta voce, colui che traduce conclude sempre con la formula "così dice il Signore", facendo credere così che è Dio che parla alla comunità o a colui che ha "profetizzato", attraverso la sua stessa bocca. Ma dov'è che il Nuovo Testamento cita episodi del genere? Non è il credente che parla a Dio, quando parla in lingue? In questo caso le presunte traduzioni sono una presa in giro? Non oso chiedere questa cosa al pastore, perché tanto lui risponderebbe in modo da cascare in piedi. Quando gli chiesi, dopo aver letto un vostro articolo, perché cantiamo rivolgendoci direttamente allo Spirito Santo e perché tanti (compreso lui) pregano rivolgendosi anche allo Spirito Santo, mi rispose che è corretto e che ci sono dei passi (che, stranamente, non ricordava) dai quali si capisce che si può fare: è stata una risposta un pò confusa e per nulla soddisfacente, comunque ho voluto passarci sopra, tanto io non sono tenuto a fare per forza come fanno gli altri. Un'altra domanda un pò spinosa ma meno importante riguarda l'abbigliamento in comunità. Nella Bibbia è scritto chiaramente che l'uomo deve vestire da uomo e la donna da donna. Io, pur essendo un uomo (38 anni), non sono maschilista né femminista, ma cerco sempre di vedere le cose in maniera obbiettiva. E' vero che i pastori hanno deciso tante cose, nelle loro riunioni, per il bene della comunità e per evitare, a detta di loro, alcuni tipi di problemi, anche se queste cose, nella Bibbia, non sono neppure minimamente implicite: ad esempio la disposizione separata dei fratelli dalle sorelle, il santo bacio alla fine del culto che deve essere tra credenti dello stesso sesso, quando San Paolo non ha specificato questa cosa; ovviamente a me non cambia alcunché, sono solo riflessioni. La mia perplessità è circa l'obbligo per le donne di indossare la gonna. Ho saputo che il pastore ha ripreso alcune sorelle perché venivano in comunità con i pantaloni, neanche attillati. Tantissimi punti della Bibbia, soprattutto del Nuovo Testamento, sono eterni ed immutabili, ma riguardo l'abbigliamento come la mettiamo? Se esso è una variabile alla quale possiamo tranquillamente adattarci con le trasformazioni che ha subìto e che subirà nel tempo, allora oggi i pantaloni sono anche un indumento femminile e quindi non c'è alcunché di male se la donna cristiana li indossa, anche in comunità; se invece deve essere un punto fermo e rigido, bisogna ricordare non solo che la Bibbia non dice quale abbigliamento deve usare l'uomo e quale la donna, ma che neppure ai tempi di Gesù esistevano i pantaloni, perché sono stati inventati diversi secoli dopo, quindi neppure l'uomo cristiano di oggi dovrebbe indossarli, né in comunità né altrove, ma dovrebbe mettere semplicemente una veste e grezzi indumenti di pelle. Oltre al fatto che le sorelle giovani, ed anche meno giovani, fuori dal locale di culto usano spesso i pantaloni. Una sorella mi ha detto che è una regola per creare un certo ordine nel locale di culto e che questo non significa che fuori non li possano indossare. Allora mi chiedo perché dovrebbe sembrare un disordine se alcune sorelle indossano la gonna ed altre i pantaloni; l'importante è, secondo me, che sia un abbigliamento decoroso e non volgare. I fratelli non indossano mica tutti giacca e cravatta. Non è perché voglio essere un ribelle, ma mi sembrano delle regole inutili e ridicole, che non c'entrano alcunché con la fede e non servono a forgiare il buon cristiano. Vorrei sapere qual'è la vostra posizione al riguardo. Spero che possiate rispondermi prima possibile, soprattutto alla prima domanda: è importante per poter decidere come muovermi. Al limite preferisco non frequentare alcuna comunità, piuttosto che assistere a prese in giro. Il Signore mi capirebbe. Buon proseguimento e buona crescita nelle vie del Signore. Pace e Dio vi benedica.

6. Caro Butindaro, mi dispiace usare un tono polemico ma dopo aver letto (non in modo approfondito per mancanza di tempo) gli scritti di Roberto Bracco sono amareggiato nel considerare come le ADI stiano viaggiando verso un atteggiamento che oltre a chiuderle verso tutti, indipendentemente se vivono la SANA DOTTRINA oppure no, le porta verso uno stato di professionalità pari a quello della chiesa Cattolica Romana, con una propria editoria la cui pubblicità campeggia puntualmente nelle riviste ufficiali interne con relativi prezzi delle pubblicazioni (definiti contributi consigliati, quasi per voler legittimare il commercio editoriale ma senza destare scandalo apponendo la dicitura prezzo per gli articoli messi in vendita). Nelle chiese organizzate gerarchicamente come le ADI si fa uso di mezzi di insegnamento calendariali come ad esempio i cosiddetti "manuali delle scuole domenicali", che da decenni vengono consigliati, dunque obbligatoriamente utilizzati contemporaneamente in tutte le comunità come le ADI, i quali spesso recano nella versione "per l'insegnante" suggerimenti per stimolare emotivamente i più giovani per coinvolgerli nella lezione oppure a fare delle puntuali offerte in danaro con modi molto discriminanti (ad esempio per i più piccoli c'è una specie di tabellina dove appuntare se il singolo partecipante in quel giorno ha versato l'offerta oppure no). Che fine hanno poi fatto le riunioni di una volta che avevano il solo scopo dell'edificazione e non la raccolta di danaro facendo leva sempre più spesso sull'emotività nei momenti particolari di Benedizione, per fare aprire i portafogli al di là delle proprie possibilità o intenzioni, sull'esempio dei ben più preparati "evangelisti" americani? E' sbagliato pensare che in questo modo nelle ADI si limiti l'azione dello Spirito nei singoli, che si dispongono all'insegnamento della Parola ai frequentatori delle scuole domenicali, cioè basando le proprie risorse sull'uso di editoria piuttosto che della guida personale dello Spirito? Non è in uso lo stesso sistema per la conduzione delle comunità? Quanto ancora di genuino è rimasto nelle ADI?

7. Carissimo Giacinto allegata troverai la busta usata da una chiesa ADI per raccogliere decime e offerte. Cosa ne pensi?

 

ANGELOLOGIA

1. Gli angeli possono essere adorati?

2. E’ vero che ciascuno di noi ha almeno un angelo che lo protegge?

3. Come possiamo affermare che anche Gabriele sia Arcangelo? Forse dal fatto che anche egli è uno degli spiriti al cospetto di Dio?

4. Fratello Giacinto, ti allego un breve studio che ho trovato su un sito straniero. Dice che i "figli di Dio" di cui si parla in Genesi 6 non erano angeli qualunque, ma erano gli angeli caduti di cui si parla in Giuda 6-7. Non avevo notato il collegamento tra il verso 7 e gli angeli di cui si parla nel verso 6, ma in ogni caso lo studio non mi convince, tu cosa ne pensi?

5. Chi erano i figli di Dio di Genesi 6:2, di cui si dice che si presero per mogli delle figliuole di uomini?

6. Qual è la differenza tra un angelo e un arcangelo?

 

ARTI OCCULTE

1. Tra le varie arti occulte ce n’è qualcuna che un Cristiano può esercitare senza con questo disubbidire a Dio?

2. Che cosa dice la Bibbia a proposito dell’astrologia?

3. Ho sentito dire a delle persone che hanno potuto parlare con i loro morti partecipando a delle sedute spiritiche. Che c’è di vero in tutto ciò? Che dice la Bibbia a tale proposito?

4. Carissimo signor Giacinto, ho una piccola domanda da porle… Sto leggendo con molto interesse i suoi scritti, sono consapevole che lei scrive per svegliare la gente a non seguire una religione fasulla ma a seguire la propria fede; con questo sono dalla sua parte. Pensi che io mi sono avvicinata al Santo Vangelo dopo la morte accidentale di mio fratello. Per quello che le dirò ora la prego non cestini questa lettera. Dopo due anni di sofferenze, sensi di colpa e via dicendo, conobbi una medium, che si mise in contatto con mio fratello, la cosa più bella è che questa donna non mi ha mai chiesto soldi ma mi ha sempre esortato a trovare le risposte alle mie domande sul Vangelo. Questa signora fa la scrittura automatica. Dall'aldilà viene aiutata da molti "maestri" che a loro volta mi hanno spiegato come leggere il vangelo e perché. Nei suoi scritti ritrovo molto dei loro insegnamenti anche perché, come dicono loro, la verità è una e non deve essere divulgata a scopo di lucro. In lei, a questo proposito, ho visto la stessa cosa. In definitiva nella frase chiedi e ti sarà dato, io devo dire che ho sempre ricevuto. Volevo comunque farle una domanda che spero non la faccia arrabbiare. Alla luce dei fatti e della mia piccola esperienza di vita penso alla reincarnazione come qualche cosa di possibile; primo perché su Matteo 11-14 c'è un riferimento dove Gesù dice : ‘E se volete credermi , è Giovanni quel profeta Elia che deve tornare . Chi ha orecchi, cerchi di capire!’ Poi c'è un’altro tratto del Vangelo dove, ora non mi ricordo più dove, chiedono a Gesù se si risorge nella stessa carne e si nasce dalla stessa madre ma Gesù risponde che si rinasce dal ventre di un'altra madre insomma una cosa del genere. Questo mi fa presagire che Dio ci offre svariate vite per poter migliorare la nostra fede perché Egli ci ama a tal punto che ci offre sempre la possibilità di riscattarci. Pensi che parlando addirittura con un prete non mi ha ammonito per ciò che avevo detto anche perché volevo sapere dato che lui è più informato di me in un concilio vaticano sono stati assassinati due vescovi che non erano d’accordo nel togliere la reincarnazione anche perché Gesù non ha mai smentito la cosa. Insomma perdoni la confusione dei fatti, non sono molto brava a memorizzare le cose ma sento questo concetto reale; ero addirittura molto piccola che lo sentivo parte reale della mia vita. La ringrazio vivamente per l'attenzione, sperando di non aver offeso nessuno. Un arrivederci e a presto.

 

BAMBINI

1. Come mai ci sono dei bambini che nascono con delle malattie ed anche con gravi disfunzioni fisiche?

2. Caro fratello Butindaro ho appena letto una sua risposta al quesito "Come mai ci sono dei bambini che nascono con delle malattie ed anche con gravi disfunzioni fisiche?"; la cosa che mi ha fatto letteralmente rabbrividire è questa, copio interamente la tua risposta così la riconoscerai sicuramente: "Ora, le ragioni per cui un bambino nasce malato o con deficienze fisiche possono essere le seguenti. La prima è che sia una punizione di Dio infatti Dio dice "io punisco l'iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano" (Es. 20:5). Ovviamente tu dirai: 'Come può un Dio così buono e misericordioso colpire il figlio di qualcuno per un suo misfatto personale?' Bene, ricordati che Dio è anche giusto e fa mietere ad ognuno il frutto della sua malvagità. Tu sai per esempio che ci sono alcuni che in virtù di alcuni loro vizi contro natura mettono al mondo dei figli con l'AIDS; non pensi che ciò sia la conseguenza dell'iniquità dei genitori? Ma tornando al fatto della punizione di Dio, ti voglio ricordare quello che avvenne al re Davide. Come tu sai il re Davide una notte mandò a chiamare Bath-Sheba, la moglie di Uria lo Hitteo, e si giacque con essa mettendola incinta, e in seguito fece uccidere il marito di Bath-Sheba. Ora, tu sai che Davide era un uomo secondo il cuore di Dio; ma che fece Dio? Chiuse gli occhi, lasciò stare Davide? No, ma gli mandò Nathan il profeta per annunciargli i suoi giudizi contro di lui. Tra questi giudizi ci fu pure il seguente. Dio gli disse: "Nondimeno, siccome facendo così tu hai data ai nemici dell'Eterno ampia occasione di bestemmiare, il figliuolo che t'è nato dovrà morire' (2 Sam. 12:14). Nathan se ne tornò a casa sua. E l'Eterno colpì il bambino che la moglie di Uria avea partorito a Davide, ed esso cadde gravemente ammalato. Ora, io ti chiedo: 'Non credi che Davide e Bath-Sheba soffrirono per questa malattia di cui fu colpito il bambino partorito da Bath-Sheba?' Io credo di sì. Tieni presente anche che Davide digiunò per sette giorni in favore del bambino, pensando e sperando che Dio avrebbe avuto pietà del bambino, ma le sue preghiere e il suo digiuno non servirono a nulla; il bambino fu fatto morire da Dio (2 Sam. 12:16-18). Che colpa aveva quel bambino per essere stato colpito da Dio? Io credo nessuna, tuttavia Dio agì con giustizia nei confronti di Davide. Ovviamente la punizione Dio può infliggerla anche colpendo di malattia un bambino mentre è ancora nel seno della madre. Naturalmente, questa ragione è difficile da accettare, ma la Scrittura ci autorizza a sostenerla’. Il dubbio che mi nasce spontaneo è questo: nella Parola di Dio è scritto in Giovanni 9:1-3 (nota il verso 3) "E passando vide un uomo ch'era cieco fin dalla nascita. E i suoi discepoli lo interrogarono, dicendo: Maestro, chi ha peccato, lui o i suoi genitori, perché sia nato cieco? Gesù rispose: Né lui peccò, né i suoi genitori; ma è così, affinché le opere di Dio siano manifestate in lui. (Sappiamo tutti e due benissimo che Gesù è venuto per adempiere la legge). In Ezechiele 18:18: Suo padre, siccome è stato un oppressore, ha commesso rapine a danno del fratello e ha fatto ciò che non è bene in mezzo al suo popolo, ecco che muore per la sua iniquità. 18:20 La persona che pecca è quella che morirà, il figlio non pagherà per l'iniquità del padre, e il padre non pagherà per l'iniquità del figlio; la giustizia del giusto sarà sul giusto, l'empietà dell'empio sarà sull'empio. in Deuteronomio 24:16: Non si metteranno a morte i padri per colpa dei figli, né si metteranno a morte i figli per colpa dei padri; ognuno sarà messo a morte per il proprio peccato. Ora, presupposto che: "Deuteronomio 17:6 Colui che dovrà morire sarà messo a morte sulla deposizione di due o di tre testimoni; non sarà messo a morte sulla deposizione di un solo testimonio", ho esposto 3 versi che vanno contro la tua tesi. Che ne pensi? vorrei capire come fai ad affermare che un bambino, puro alla nascita, possa essere afflitto da una punizione da Dio, per causa poi non imputabile a lui, quando poi sappiamo che tutti siamo responsabili delle nostre azioni. "Se mio padre non vuole convertirsi perchè dovrei io pagare per lui, quando poi Gesù ha pagato per tutti". Capisco l'esempio di Davide che hai citato, ma personalmente ho comparato vari passi della Bibbia, sia del NT che AT, con cui ti ho motivato la mia risposta. Per quanto riguarda Davide, a mio avviso, era un eccezione, perchè, come saprai, molte cose della vita in Dio sono personali e quindi variabili da persona a persona, senza contare poi, che nel caso di Davide, Dio non avrebbe potuto mai permettere che suo figlio, frutto di una sua trasgressione, salisse al trono. Fammi sapere che ne pensi. Dio ci aiuti e ogni cosa sia fatta per il prosieguo della Sua opera.

3. Sfogliando il sito, ho trovato una tua risposta molto interessante che vorrei approfondire: "1. Come mai ci sono dei bambini che nascono con delle malattie ed anche con gravi disfunzioni fisiche?" Nella risposta, tra le varie cause tu indichi "La prima è che sia una punizione di Dio infatti Dio dice "io punisco l'iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano" (Es. 20:5)", continuando porti anche l'esempio del Re Davide al quale muore il figlio come conseguenza del suo peccato. Mi trovo d’accordo con quanto affermi, ma la mia domanda è questa: io credente, nato di nuovo, che ho accettato Gesù Cristo come personale Salvatore, posso in qualche modo risentire o pagare le conseguenze di un peccato commesso da un genitore o parente prossimo? Esistono peccati commessi da parenti a mia insaputa che possono avere effetti negativi su di me anche se io e la mia famiglia siamo credenti? In sostanza, io figlio di Dio rientro tra le persone elencate nelle generazioni di Esodo 20:5? Questi casi vanno trattati in modo specifico affinché si annullino i possibili effetti (fatture, malocchi, pratiche occulte)? Personalmente credo che nel momento della nuova nascita, quando confesso i miei peccati conosciuti e non a Dio, io ne sia istantaneamente liberato. Grazie per la tua preziosa disponibilità, e che Dio benedica abbondantemente la tua opera.

 

BATTESIMO CON LO SPIRITO SANTO

1. Che cosa è il battesimo con lo Spirito Santo?

2. Esistono Cristiani falsamente battezzati con lo Spirito Santo?

3. Molti Cristiani Evangelici dicono che il battesimo con lo Spirito Santo si riceve quando si crede: altri, invece, dicono che si riceve dopo che si ha creduto, chi ha ragione?

4. Si può essere riempiti di Spirito Santo senza parlare in lingue?

5. E' quando si viene battezzati con lo Spirito Santo che si entra a fare parte del Corpo di Cristo?

6. E’ giusto domandare il dono dello Spirito Santo allo Spirito Santo?

7. E’ vero che le lingue del giorno della Pentecoste furono date per evangelizzare?

8. Esiste il dono di imporre le mani sui credenti affinchè ricevano lo Spirito Santo?

9. E’ possibile essere riempiti con lo Spirito Santo oggi e cominciare a parlar in lingue dopo qualche giorno?

10. Perché alcuni sotto la legge quando furono ripieni di Spirito Santo non cominciarono a parlare in altre lingue?

11. Che fine hanno fatto tutti quelli che sono esistiti prima della nascita del movimento pentecostale (cioè prima del 1900) in base al tuo modo di credere? Hanno sempre sbagliato? Ti sei mai chiesto se il parlare in lingue fosse di estrema importanza per ricevere lo Spirito Santo, o la manifestazione di esso? Perché si è verificato in solo tre occasioni e Paolo in tutte le sue epistole dottrinali non lo cita nemmeno una volta? Ti do la spiegazione, se mi permetterai di dartela secondo la Parola di Dio. Perché i Discepoli parlavano in lingue? Era assolutamente necessario che vi fosse un segno esteriore, altrimenti i discepoli non avrebbero potuto sapere che lo Spirito Santo era disceso e neppure che poteva essere dato anche ai pagani, ma noi che viviamo dopo quel periodo d'introduzione alla nuova dispensazione non possiamo affermare che il Battesimo dello Spirito Santo sia obbligatoriamente legato al parlare in lingue; anzi al contrario, Paolo afferma che non tutti parlano in lingue (1 Corinzi 12:13-30). Se fosse come tu vuoi far credere, perché allora lo stesso Spirito Santo non guidò Paolo a farlo scrivere anche nelle epistole dove si leggono le basi dottrinali del cristianesimo? E se a Paolo lo Spirito Santo non ritenne farglielo scrivere, perché oggi lo si vuole per forza fare diventare dottrina? Paolo quando si convertì perché non parlò in lingue (e come lui tanti ancora)? Perché Elisabetta, quando il bimbo le balzò nel grembo e fu ripiena di Spirito Santo, non parlò in lingue?

12. E' vero che un Cristiano che non parla in altre lingue non ha lo Spirito Santo?

13. Caro Butindaro, sono un ragazzo di 24 anni e ho avuto una esperienza in una comunità chiamata ‘nuova pentecoste’ legata alla chiesa cattolica, mi hanno spinto a parlare in lingue e ho cacciato degli strani suoni. Mi hanno detto che è il dono delle lingue, ma io sono turbato e ho paura che sia un altro spirito che mi inganna. Cosa devo fare?

14. Come mai questo parlare in lingue avviene solo nei movimenti pentecostali e carismatici?

15. Carissimi fratelli Giacinto e Illuminato, sono un fratello in Cristo, …. Ho letto la confutazione sul vostro sito riguardante il fatto che parlare in lingue è il sintomo che evidenzia l'avvenuto Battesimo dello Spirito Santo. E' da molto tempo che sono confuso, perchè non so se sono stato battezzato nello Spirito Santo o no. A sentire la vostra confutazione si direbbe di no perchè io non parlo in lingue. Anche nella mia Chiesa (che non frequento più in quanto non ne condivido più le false dottrine) mi veniva detto dal pastore: "Comincia a dire una parola, poi un'altra, e vedrai che pian piano imparerai a parlar in lingue', o: 'Loda il Signore, dì Alleluia, Alleluia, e abbandonati al Signore e vedrai che comincerai a parlare in lingue'; o ancora: 'Parla in lingue, parla in lingue" proprio come avete scritto nella vostra confutazione. Devo ammettere però che questa situazione mi ha scoraggiato molto e mi ha anche profondamente deluso. Ormai ho smesso di chiedere il battesimo e i doni in preghiera e non riesco più a desiderarli...ho perso la speranza. E' un anno che sono nato di nuovo e sinceramente sono anche un pò arrabbiato perchè non capisco perchè succede a tutti tranne che a me! So che mi risponderete di non guardare gli altri e di avere pazienza ma non ce la faccio!! Sentir parlare in lingue praticamente tutti mi deprime molto. Ho bisogno di capire se il problema sono io o cosa... Ammetto che tutto questo mi crea grandi problemi e complessi di inferiorità e non riesco a farmene una ragione se non che la colpa sia mia per qualche cosa che faccio di sbagliato anche se questo stona con il messaggio della grazia del Vangelo. Cosa ne pensate? Dio vi benedica

16. Innanzi tutto, mi voglio presentare: ….. vivo in Germania, da circa 2 anni mi sono convertito e cercando su Google in Italia informazioni sullo Spirito Santo e sui Doni Spirituali ho trovato il vostro sito, il più amplio che ho trovato e quello dove sono spiegate tante cose che fino ad oggi non ho mai sentito, ma adesso arriviamo al punto. Credo di essere una di quelle persone cadute nell'inganno del parlare in lingue. Tutto é iniziato circa tre settimane fa, quando nella nostra chiesa era stato invitato un pastore dell'Africa che doveva predicare sullo Spirito Santo. A parte il fatto che metà della sua predica l’ha spesa raccontando particolari della sua vita da peccatore, più che altro era il modo di come venivano presentate le sue "avventure", che non mi sembrava molto cristiano, ma su questo non voglio fare altri commenti inutili. Alla fine della predica siamo andati tutti in avanti per ricevere il Battesimo dello Spirito Santo (per chi non l´aveva ricevuto) oppure una nuova unzione, però io non l´ho Ricevuto e sono andato a parlare con questo pastore per avere ulteriori informazioni sul perché non l´avevo ricevuto. Alla fine lui si é messo a pregare e mi ha detto di aprire la bocca e di iniziare a parlare in altre lingue, ed io ho iniziato a pronunciare delle sillabe e poi parole che poi non sono vere parole, da quanto ho capito, essendo che io non sento nessuna potenza dall'alto e nessuna edificazione. Io ringrazio grandemente Dio che mi ha fatto trovare il vostro sito, solo che adesso ho una grande confusione in testa; ho chiesto al Signore di darmi lucidità, non so cosa fare, mi sento come una bandierina agitata dal vento, anche sulle altre cose che ho letto nel sito, per quanto riguarda la decima, il velo, l´abbigliamento, il pastore che predica con le mani in tasca e via dicendo, ho una lunga lista. Quello che vi chiedo é di darmi una spiegazione reale sul Battesimo dello Spirito Santo, come viene, cos´é questa edificazione di sè stessi. Io spero di ricevere una vostra risposta. Voi siete il terzo sito evangelico che contatto, purtroppo fino ad oggi nessuno mi ha mai risposto. Normale, nel mondo si dice non c´é due senza tre, ma io credo che il Signore si userà di voi per darmi la risposta che cerco. Vi ringrazio anticipatamente. La pace del Signore abbondi nei Vostri cuori.

17. Il battesimo con lo Spirito Santo è necessario per essere salvati?

18. Sto pregando affinché il Signore mi battezzi con lo Spirito Santo. Posso averlo in un attimo di fede? oppure devo prima santificarmi? ….. Volevo essere battezzato con lo Spirito Santo perché molti che l'hanno ricevuto mi hanno detto che si ha sempre una grande gioia nel cuore, ed io ho bisogno di questa gioia perché sono sempre triste, riesco ad avere gioia solo nei pochi momenti che vado in Chiesa mentre al lavoro sto malissimo, perché questa mia gioia non è completa? Cosa mi consigliate?

19. Secondo voi e secondo la Parola di Dio, un credente battezzato nello Spirito Santo deve per forza parlare in lingue? E c’è differenza tra il segno delle lingue e il parlare in lingue?

20. E’ indispensabile essere battezzati con lo Spirito Santo per poter evangelizzare nelle strade e per le piazze? Alcuni dicono infatti che Gesù disse ai suoi discepoli di non dipartirsi da Gerusalemme ma di aspettare di essere rivestiti di potenza dall’alto, poi sarebbero stati suoi testimoni in Gerusalemme, in Giudea, in Samaria e fino alle estremità della terra?

21. …. volevo porvi una domanda: Sul vostro sito ho letto che quando si riceve il battesimo dello Spirito Santo si parla per forza in lingue, ma questo si riscontra solo in parte con le Scritture poiché viene anche detto: "Ora vi è diversità di carismi, ma vi è un medesimo Spirito. Vi è diversità di ministeri, ma non v'è che un medesimo Signore. Vi è varietà di operazioni, ma non vi è che un medesimo Dio, il quale opera tutte le cose in tutti. Ora a ciascuno è data la manifestazione dello Spirito per il bene comune. Infatti, a uno è data, mediante lo Spirito, parola di sapienza; a un altro parola di conoscenza, secondo il medesimo Spirito; a un altro, fede, mediante il medesimo Spirito; a un altro, carismi di guarigione, per mezzo del medesimo Spirito; a un altro, potenza di operare miracoli; a un altro, profezia; a un altro, il discernimento degli spiriti; a un altro, diversità di lingue e a un altro, l'interpretazione delle lingue; ma tutte queste cose le opera quell'unico e medesimo Spirito, distribuendo i doni a ciascuno in particolare come vuole." (1 Corinzi 12:4-11) Però d’altra parte, come dite voi, abbiamo chiari esempi Biblici che attestano che non appena si veniva battezzati con lo Spirito Santo si parlava in lingue. Il parlare in lingue si manifesta come prima conferma dello Spirito Santo ed in seguito si riceve il dono che il Signore ha deciso per noi? Oppure può essere possibile che quando si viene battezzati con lo Spirito Santo si manifesta il dono che ci è stato dato qualsiasi esso sia? O forse nel caso dei battesimi con lo Spirito Santo di cui fà riferimento la Bibbia alla folla convertita veniva dato il dono delle lingue perché non erano ancora pronti per altri doni?

 

BATTESIMO IN ACQUA

1. Che cosa è e cosa rappresenta il battesimo in acqua?

2. Il battesimo in acqua è facoltativo o obbligatorio?

3. E’ mediante il battesimo che si ottiene la remissione dei peccati?

4. In che cosa consisteva il battesimo per i morti praticato da alcuni credenti a Corinto secondo che è scritto: "Altrimenti, che faranno quelli che son battezzati per i morti? Se i morti non risuscitano affatto, perché dunque son essi battezzati per loro?" (1 Cor. 15:29)?

5. Gesù diede l’ordine di battezzare agli apostoli; ciò significa che solo gli apostoli hanno l’autorità di battezzare?

6. Il battesimo si può ministrare anche per aspersione?

7. I neonati vanno battezzati?

8. Caro fratello Giacinto, ti saluto nella pace del Signore. Vorrei farti una domanda semplice, ma contemporaneamente difficile. Quando una persona passa dal Cattolicesimo al "Cristianesimo" deve ribattezzarsi? Molti affermano che non c’è bisogno di ribattezzarsi, perchè si è stati battezzati già una volta; altri affermano che si deve ribattezzare perchè il vero battesimo è per immersione e si deve compiere il patto quando una persona è capace di intendere e di volere.

9. Pace! Vorrei porti un quesito che riguarda il battesimo. Una mia cara amica in questi giorni ha "scoperto" l'amore di Dio e la potenza dello Spirito Santo e ha aperto il suo cuore a Gesù. Questa donna era mormone e quindi battezzata per immersione in quella chiesa, dopo qualche anno di matrimonio con un musulmano è divenuta anche lei musulmana. Credo che lei sia nata in una famiglia cattolica e che abbia anche ricevuto il battesimo cattolico. La mia domanda è: deve ripetere di nuovo il battesimo in una Chiesa Evangelica? Lei sente il bisogno di battezzarsi. Ti ringrazio in anticipo. Che Dio ti benedica per i servizi che tu e tuo fratello offrite a tutti noi.

10. Nel nome di chi va ministrato il battesimo in acqua?

11. E’ quando siamo stati battezzati in acqua che abbiamo fatto patto con Dio?

12. Caro fratello, ho letto sul tuo sito la risposta alla domanda su cosa consisteva il "battesimo per i morti" nella chiesa di Corinto (1Cor. 15:29). Mi rendo conto della difficoltà del problema, ma nella risposta ci sono alcune cose che non quadrano: 1) perché il futuro ‘che faranno quelli che...’, quando per alludere ad un uso già esistente sarebbe stato più logico adoperare il presente: "Che fanno?"; 2) Nel N.T. non c'è nulla che possa sostenere il battesimo vicario; 3) Nel I° secolo tale pratica non è documentata; la ritroviamo invece nel II° secolo. 4) E' strano che Paolo, che nella sua lettera corregge tanti errori dei Corinzi, non abbia neanche una parola di biasimo per una pratica superstiziosa e contraria allo spirito del Vangelo.

13. Può un cristiano nato di nuovo battezzare una persona che ha fatto una genuina esperienza con Gesù anche se non è pastore?

 

BIBBIA

1. Che significato ha la parola Bibbia?

2. Ma nella Bibbia ho trovato delle contraddizioni; come mai questo?

3. Ho sentito parlare di libri apocrifi (presenti nelle Bibbie cattoliche); di che si tratta?

4. Come si spiega il fatto che nei Proverbi prima è scritto: "Non rispondere allo stolto secondo la sua follia, che tu non gli abbia a somigliare" (Prov. 26:4) e subito dopo: "Rispondi allo stolto secondo la sua follia, perché non abbia a credersi savio"?5. Quando Davide diceva nei Salmi: "Il tuo bastone e la tua verga sono quelli che mi consolano" (Sal. 23:4) cosa voleva dire?

6. Che cosa significa "Tutto è puro per quelli che sono puri" (Tito 1:15)?

7. Lettura da Genesi 10:31: "Costoro [furono] i figliuoli di Sem, secondo le loro famiglie [e] lingue, ne' loro paesi, per le loro nazioni". Questo versetto precede il capitolo dove si parla della torre di babele dove vennero confuse le lingue. Domanda: come mai parla di lingue, forse avevano già una lingua differente o il confondimento delle lingue fu solo per un popolo?

8. Chi ha scritto l’epistola agli Ebrei?

9. Dove sta scritta nella Bibbia la famosa frase ‘Aiutati, che Dio ti aiuta’?

10. La tua idea è tutta basata e completamente dipendente dalle "sacre scritture". Chi dice che sono reali avvenimenti?? Quali reali e sottolineo reali testimonianze?? E se fosse tutto fatto, scritto e tramandato dall'uomo per la sua indispensabile necessità di attribuire e dare una risposta a ciò che non si può conoscere? Ai misteri della vita??

11. Perchè ti fidi così ciecamente di quello che dice la Bibbia? E se fosse tutto falso? E se fosse l'ateismo o una qualsiasi altra religione ad essere nella verità o non quella di Gesù Cristo? E se niente o tutto è nel giusto? Perchè continui a dire che solo tu sei nel giusto, criticando chi non crede?

12. Non mi sono sentita minimamente ferita dalle tue parole. Ognuno ha la propria opinione e non deve forzare il resto della gente a pensarla come lui. E' vero, potresti avere ragione tu e torto io, ma finchè non ne sono convinta rimango della mia idea. Come fai a dire che tu solo hai conosciuto la verità? E chi ti dice che Dio non può mentire (sempre se esiste)?

13. Volevo chiederle l'interpretazione dei versetti di 1 Pietro 2:13-14, perché c’è in corso uno studio su questa epistola, e ci sono diverse interpretazioni

14. In che cosa consiste il mistero di Cristo di cui parla Paolo in Efesini 3:2-5?

15. Vi voglio rivolgere una domanda che ieri sera [29 Novembre 2000: nota mia] mi è passata per la mente e continuo a non avere una risposta. Ieri sera, appunto, leggendo la prima epistola di Paolo a Timoteo mi sono soffermato sul versetto 20 del capitolo 1 "Imeneo e Alessandro che io ho dato in mano di Satana perchè imparino a non bestemmiare" e poi ho letto anche il riferimento riportato a fondo pagina e cioè I Corinzi capitolo 5 verso 5 "ho deciso che quel tale sia dato in man di Satana a perdizione della carne, affinchè lo spirito sia salvo nel giorno del Signore Gesù Cristo". Che significa dare in mano di Satana? Che significato ha questa espressione dell'apostolo Paolo? Si può fare un esempio su avvenimenti simili ai giorni nostri? E quell'espressione "... a perdizione della carne, affinchè lo spirito sia salvo ..." significa che la carne può peccare e lo spirito restare salvo? Non credo!

16. Potrei ricevere un approfondimento del Salmo 1:1-6?

17. L’espressione ‘Dio mi ha messo in cuore o gli ha messo in cuore questa o quell’altra cosa’ è un espressione biblica o per lo meno che trova una conferma nella Bibbia?

18. In che modo è stato stabilito nella Bibbia che Noè visse 950 anni se ancora a quel tempo non si conosceva il calendario? Un anno era formato effettivamente da 12 mesi?

19. Se Dio nel secondo comandamento vieta la fabbricazione di immagini di tutte le cose in cielo e in terra, come mai sulla cortina del luogo santissimo sono rappresentati due cherubini? Si sa che quelle immagini non venivano adorate, sarebbe allora pure giustificata la falsa risposta dei cattolici facendo la famigerata sottigliezza tra adorazione e venerazione rivolta ai santi. ai morti e alla madonna? E sarebbe pure ulteriormente giustificata da parte cattolica la produzione di immagini e sculture poste, poi, in casa e nei luoghi adibiti al culto come l'esempio del luogo santissimo?

20. Ho letto l'affermazione di un cattolico che per giustificare la "tradizione" cita Iannè e Iambrè in 2 Timoteo 3:8. Mi guardo bene dal cadere nel tranello della tradizione, ma se sai qualcosa di più di queste due figure citate da Paolo mi farebbe piacere saperlo, per poter sapere come rispondere nel caso in cui qualche cattolico mi facesse questa domanda di persona. Grazie. Riguardo a quella domanda su Iannè e Iambrè ho fatto qualche ricerca e ho visto che su internet molti cattolici sui loro siti ne fanno un punto di forza per giustificare la tradizione. Non mi convincono i risultati, comunque, a titolo informativo, secondo quanto essi scrivono, queste due persone erano due maghi egizi che si opposero a Mosè. Questo sarebbe scritto in un libro non canonico (Haggadah, che "forma la parte non legale del Talmud"). E si parla anche del resoconto dell'arcangelo Michele che disputò per il corpo di Mosè (in Giuda); farebbe riferimento a quanto scritto in un libro apocrifo, il "libro di Enoch". Non mi spiego perchè Paolo e Giuda abbiano attinto a quelle tradizioni, comunque non avendo risposte su questo argomento potresti consigliarmi come dovrei rispondere se qualche cattolico mi dovesse presentare questa domanda?

21. Fratello Giacinto, pace. Stavo leggendo uno studio sull'epistola di Giacomo, e mi ha interessato l'interpretazione che veniva data sul versetto di Giacomo 4:5. Ho sempre preso questo verso per buono, così come lo leggo nella Nuova Riveduta, Luzzi, e Nuova Diodati, ossia con "Spirito" inteso come Spirito di Dio. Invece l'autore dello studio ne dà l'interpretazione come "spirito" inteso come spirito dell'uomo. Quindi, anziché santa gelosia da parte dello Spirito di Dio, gelosia da parte dello spirito dell'uomo (in senso di carnalità, desiderio di camminare secondo il proprio spirito). L'autore cita anche il verso tradotto letteralmente dall'originale greco, che sono andato a controllare, ed effettivamente si parla di uno "spirito" (pneuma) senza riferirsi specificamente a Dio o all'uomo, e dice "lo spirito che è abitato in noi", non "lo Spirito che Dio ha fatto abitare in noi". Non convinto, ho preso la Riveduta e ho letto il versetto: porta Spirito con la S maiuscola. Ma le note al versetto citano Gen. 6:5, 8:21; Prov. 12:10, che mi sembrano propendere per l'interpretazione dello spirito dell'uomo. Ho controllato nel commentario di Matthew Henry, e lì "spirito" è con la minuscola, e la spiegazione è senza mezzi termini che si tratta dello spirito dell'uomo e della sua voglia di camminare per la carne. Contrariamente a quanto pensavo all'inizio, tutte le indicazioni sembrano portare in questa direzione. Tu cosa ne pensi?

22. Una domanda riguardo al fatto che la donna non deve lavorare, perché l´ho letto anche nel sito; però in Proverbi 31:10-27 viene menzionata una donna che lavora e che veste lino finissimo. Vorrei se possibile un chiarimento su questo.

23. Fratello Giacinto, pace. Volevo chiederti un chiarimento su dei versetti: quando nella Parola si parla dell'abito da nozze (Matteo 22:12) ho imparato che ci si riferisce alla giustizia di Cristo imputata per fede al credente. Mi chiedevo però se il verso di Apocalisse 19:8, dove si parla di abiti di lino fino, che sono opere giuste, è ricollegabile a questo. Oppure se sono due versi complementari ma che riguardano aspetti diversi dell'"abito" della Sposa. Grazie.

24. Caro Giacinto ti scrivo per chiederti brevemente che cosa voleva dire Gesù quando diceva che la lampada del corpo è l'occhio e se il tuo occhio è puro è puro tutto il tuo corpo. Cosa intendeva dire con questo esempio?

25. Ti ho scritto perchè ho letto la tua confutazione per quanto riguarda i Testimoni di Geova. Adesso ci troviamo ad Afragola (NA) in questa piccola cittadina ci sono 5 congregazioni e quindi ho avuto modo di parlare con diversi di loro. Ho letto molto intorno alla loro organizzazione e alla loro dottrina. Una domanda che mi è stata rivolta e alla quale non sono riuscito a dare una risposta appropriata è riguardo ai 144.000. In Apocalisse 7 si parla di questi che sono stati segnati e si parla che son di tutte le tribù dei figliuoli d'Israele, chiaro che per me questi sono Israeliti veri, ma loro obbiettano che nell'elenco mancano 2 tribù e questo significa, sempre per loro, che si sta parlando d'Israele spirituale e non in senso letterale. La domanda dove sono le altre due tribù?

26. Parlando con un fratello, lui ha sollevato un interrogativo sull'anima e lo spirito: si chiedeva come mai si parla dello spirito dell'uomo solo in qualche libro dell'AT e nel NT, mentre nel verso di Genesi è scritto solo che Dio fece l'uomo come "anima vivente". Lui, pur avendo tanti anni di fede alle spalle, sosteneva che forse lo spirito è un'astrazione elaborata dagli uomini, poiché nella Genesi trova solo che Dio creò l'anima dell'uomo, ma non parla dello spirito. …..lui vorrebbe una prova scritturale del fatto che fin dall'inizio Dio diede all'uomo anima e spirito, mentre invece trova solo che all'inizio si parla di anima, e solo più tardi si fa riferimento allo spirito.

27. Recentemente ho sentito un sermone di un pastore che indicava che il significato di charis è fascino, e non grazia come lo traducono le lingue latine. Ti torna ciò?

28. . …. un fratello mi ha dato un cd rom con alcuni testi, e in mezzo a quelli c'era la Didachè. Non avevo mai sentito parlare di questo testo, gli ho dato uno sguardo e sembra richiamare da vicino le parole del Nuovo Testamento. Ho letto che alcuni dicono che fu scritto dagli Apostoli nel 50 d.C., mentre altri dicono che sia un falso che fu creato partendo da due documenti non cristiani, e infarcito di parole copiate dalla Bibbia per farlo passare come cristiano. Tu sai dirmi qualcosa in proposito?

29. Caro fratello Butindaro, ….. Volevo farti una domanda, visto che sai tutto sulla Bibbia. Sono sorte delle discussioni tra amici su Marco 5:2-13: SE GLI EBREI NON SOLO NON MANGIAVANO CARNE DI MAIALE, ma non potevano neppure toccarla, come si spiega che fossero presenti dei branchi di maiali così numerosi? Marco parla di DUEMILA MAIALI (non cinghiali). Grazie, se puoi darmi una risposta da teologo che conosce la Sacra Scrittura.

30. Nel N.T. è scritto che persino i vestiti e l'ombra degli apostoli guarivano le persone, e ci viene detto di "odiare anche le vesti contaminate dal peccato"; questi passaggi sembrano quasi suggerire che il peccato o la santità si "attaccano" alle vesti, forse è da qui che è venuto fuori il culto delle reliquie? Mi chiedevo il motivo di questi passaggi (penso che oggi nelle nostre comunità nessuno metterebbe in pratica queste cose).

31. Pace fratello, vorrei chiederti un chiarimento: i versetti di Matteo 7:24-27 sono tra i più conosciuti nella Chiesa, ma io mi pongo un quesito, e precisamente, cosa si intende per CASA? Grazie per la disponibilità.

32. Che cosa significa: "Lo spirito è pronto, ma la carne è debole"?

33. Mi spieghi Ebrei 7:4-10?

34. Vorrei che mi spiegassi Romani 10:6-8

35. Gentilissimo Butindaro, lei afferma che la TNM è stata falsificata in Geremia 32:18 dove dice: "...il [vero] Dio, il Grande, il Potente, il cui nome è Geova...". La Luzzi dice: "...tu sei l'Iddio grande, potente, il cui nome è l'Eterno...". Che differenze ci sono in questo passo nelle diverse versioni da poter affermare che la TNM è falsificata? Io non vedo una così gran differenza e inoltre questa è la prima volta che vedo accusato questo passo di falsificazione. C'è una vera e propria differenza da poter cambiare il senso alla frase? Mi faccia sapere. Grazie.

36. Volevo chiederle un chiarimento di indole abbastanza generale: chi e su quali basi ha deciso che i libri ispirati costituenti la Bibbia sono proprio quelli? La risposta ovvia è che nell’AT lo ha deciso il Popolo dell'Alleanza (senza precisare di più) e nel NT la Assemblea dei "santi". Ma allora l’Assemblea è superiore alla Scrittura, visto che decide su di essa? A me la posizione della Chiesa Romana a riguardo sembra abbastanza logica e coerente, anche se non penso siate d'accordo.

37. Perché nell’epistola agli Ebrei si parla di dottrina di battesimi? Non è forse scritto che c’è "un solo battesimo" (Ef. 4:5)?

38. Genesi 4:17: "Ora Caino conobbe sua moglie ..........". Da chi é nata la moglie di Caino? Quale é il suo nome? Potrebbe essere figlia di Eva e dei figli di DIO di Genesi 6:2? Perché appaiono solo i tre figli maschi?

39. Che cosa rappresenta secondo te l’olio di cui si parla nella parabola delle dieci vergini raccontata da Gesù?

40. Perché abbiamo i libri del Vecchio Testamento nella nostra Bibbia e non solo quelli del Nuovo Testamento?

41. La Bibbia può essere capita da tutti?

42. Nella lettera di Paolo ai Romani al cap. 13 versetti da 8-10 si parla dell'amore del prossimo, "......perché chi ama il prossimo ha adempiuto la legge.....l'amore quindi è l'adempimento della legge"; in Galati 5:13,14 "......poiché tutta la legge è adempiuta in quest'unica parola: ama il tuo prossimo come te stesso"; Giacomo 2:8-11 "certo, se adempite la legge regale, come dice la scrittura: ama il tuo prossimo come te stesso,......v. 10 chiunque infatti osserva tutta la legge, ma la trasgredisce in un punto solo, si rende colpevole su tutti i punti......." ecc. Allora mi chiedo: siccome noi non siamo in grado di adempiere tutta la legge, vuol dire che non siamo in grado di amare, o il nostro amore è solo ipocrisia? Poiché per quanto ci sforziamo ad amare il nostro prossimo finiremmo sempre per metterci sotto una legge la quale non potremmo adempiere appieno.

43. Potresti spiegarmi qual è la dottrina che se uno viene a noi e non ce la reca non lo dobbiamo ricevere in casa e non lo dobbiamo salutare (cfr. 2 Giov. 10)?

44. Chi sono le dignità di cui Pietro dice che i falsi dottori non hanno orrore di dire male?

45. Perché Paolo dice a Timoteo che Gesù ha distrutto la morte (cfr. 2 Tim. 1:10), mentre ai Corinzi dice che l’ultimo nemico che sarà distrutto sarà la morte (cfr. 1 Cor. 15:26), facendo intendere in questo secondo caso che questa distruzione deve ancora avvenire e non è già avvenuta?

46. Ieri in comunità è venuto uno che sosteneva che Elia deve ancora venire per restaurare ma non è vero .... e poi esaltava un profeta di cui ora non ricordo il nome. Ma secondo la Bibbia non deve venire Elia ... non so. Perché ognuno interpreta le Scritture a modo suo???

47. In base all’insegnamento della Sacra Scrittura è giusto credere al destino?

48. Luca 16:19-31 è una storia realmente accaduta o una parabola?

49. Che versione della Bibbia mi consigli di usare?

50. Ho notato che la Bibbia insegna che il sole gira attorno alla terra, ma non è forse vero che è invece la terra che gira attorno al sole?

51. Potresti spiegarmi Romani 3:7: "Ma se per la mia menzogna la verità di Dio è abbondata a sua gloria, perché son io ancora giudicato come peccatore?"?

52. Che cosa vuole dire Paolo quando dice: "Quando sono debole, allora sono forte"?

53. In che cosa consiste il digiuno biblico?

54. L’imposizione delle mani è una pratica biblica?

55. Caro fratello, vorrei sapere la tua opinione su questo argomento: Come si può conciliare 1Cor.13:13 dove leggiamo che la fede e la speranza durano (presuppongo in eterno insieme alla carità), con altre dichiarazioni da cui sembra che la fede e la speranza cesseranno (vedi Rom. 8:24,25; 2 Cor. 5:7; Ebr. 8:11)? Quando sarà arrivata la perfezione a cosa serviranno la fede e la speranza?

56. Fratello Giacinto, ho un'altra domanda da farti: sul sito www.laparola.net ho letto la seguente descrizione del libro dei Proverbi: "Una raccolta di detti saggi, regole per la vita e esortazioni, scritti da Salomone ed altri saggi, per esempio Agur 30:1 e Lemuel 31:1". Non mi sembra di aver mai sentito questi due nomi (Agur e Lemuel), a cosa si riferiscono? E cosa hanno a che fare con il libro dei Proverbi?

57. Salve, ho letto la vostra pagina faq dove rispondete alla domanda sugli apocrifi. Menzionate il prologo a Graziano di Girolamo dove Girolamo dice "'La Chiesa legge il libro di Tobia, di Giuditta, dei Maccabei, di Baruc, di Susanna, della Sapienza, dell'Ecclesiastico, l'inno dei tre giovani e le favole di Belo e del Dragone; ma essa non li riceve affatto nel novero delle Scritture autentiche' ... potete darmi una referenza bibliografica per segnalare questa citazione?

58. Gentile sig. Butindaro, vorrei farle una domanda allo scopo di conoscere il pensiero dei Pentecostali sull'argomento: quando e come è nata la Bibbia? A me risulta che siano stati dei vescovi cattolici a stabilire, nel corso dei secoli III-IV, quali libri fossero ispirati e quali no, considerata la presenza di testi quali il Vangelo di Pietro e quello di Tommaso, falsi e non ispirati naturalmente. E lo stesso Giovanni Crisostomo, da lei stesso nominato come "padre della Chiesa" e come primo uomo a chiamare "Bibbia" l'insieme dei libri sacri, non era cattolico? La ringrazio anticipatamente della cortese attenzione, le porgo i più cordiali saluti.

 

BRACCO ROBERTO

1. Che cosa provocò l'estromissione del pastore Roberto Bracco dalle ADI?

2. E' stato detto a proposito di Roberto Bracco che la sua fede 'era irregimentata da codici morali piuttosto che gratificata dal frutto dello Spirito Santo', e che la sua etica era esagerata; che ne dite di queste affermazioni?

3. Fratello Giacinto, pace. Volevo chiederti una cosa: ricordo di aver letto sulle FAQ del tuo sito che non sei d'accordo con tutti gli insegnamenti di Roberto Bracco. Potresti dirmi quali? Te lo chiedo perché quelli che ho letto (sul suo sito, perché di libri in giro non ne ho mai trovati) mi sembravano corretti.

 

CANTICI

1. Ma non è un controsenso per noi credenti cantare ‘Il tempio di Dio voglio essere anch’io’?

 

CATTOLICI ROMANI (domande fatte da loro)

1. Perché voi Evangelici non vi fate il segno della croce prima di mangiare?

2. Come mai voi Evangelici nei vostri luoghi di culto non avete immagini e statue sacre come li abbiamo noi?

3. Come mai voi Protestanti, tranne alcune eccezioni, non battezzate i neonati?

4. Come mai voi Evangelici non credete nei santi?

5. Perché voi Evangelici non credete che Maria sia rimasta sempre vergine dopo avere partorito Gesù?

6. Perché voi Evangelici non credete nell’immacolata concezione di Maria?

7. Non pensate voi Evangelici di peccare di presunzione nell’affermare che voi siete salvati e che quando morirete andrete subito in paradiso?

8. Giovanni Paolo II vi ha chiesto perdono a voi Protestanti per le persecuzioni compiute dai Cattolici nel passato contro i vostri predecessori; che ne dite di questo suo atteggiamento?

9. Come mai voi Evangelici non riconoscete nel papa il Capo della Chiesa universale quale successore dell'apostolo Pietro?

10. Io devo rinascere di nuovo, e fin qui è chiaro, ma che cosa intendi per battesimo? Un nuovo battesimo? Sono stato battezzato, comunicato e cresimato, ma ciò è stato fatto per costume e usanza…

11. Perché mai voi Evangelici avete tolto dal canone della Bibbia i libri apocrifi?

12. Come mai voi Evangelici non tributate nessuna forma di culto a Maria, ai santi che sono in cielo, e agli angeli?

13. Come mai voi Evangelici non accettate la transustanziazione?

14. Come mai voi Evangelici non accettate che l’eucarestia sia la ripetizione del sacrificio di Cristo?

15. Cosa pensi della proliferazione di santi, beati, e vescovi che ha avuto luogo con questo papa?

16. Cosa pensi del cammino neocatecumenale?

17. Cosa pensi della sacra Sindone di Torino? Che sia veramente – come viene detto da parte della curia romana - il lenzuolo in cui fu posto Gesù quando morì?

 

CENA DEL SIGNORE

1. Che cosa è la Cena del Signore e che significato ha?

2. Alla Cena del Signore possono partecipare gli increduli?

3. La Santa Cena è solo per coloro che sono battezzati? Chi ha fatto prendere la Santa Cena a chi non è battezzato ha sbagliato?

4. Che cosa significa mangiare il pane e bere del calice del Signore indegnamente?

5. Quando alcuni fratelli in Cristo sono riuniti insieme per adorare il Signore, possono mangiare il pane e bere il vino insieme come comandato da Gesù per ricordare la sua morte, la sua resurrezione e il suo ritorno, anche se non è presente nessun pastore o diacono?

 

CHIESA (ministeri, uffici, ecc.)

1. Cosa pensi delle Chiese dell'Apocalisse?

2. Che cosa intende dire Paolo quando afferma che chi aspira all'ufficio di vescovo bisogna che sia irreprensibile e abbia una buona testimonianza da quelli di fuori? Ossia, che significa, secondo la Parola di Dio, 'irreprensibile' e 'buona testimonianza'? Ti chiederei infine di aiutarmi a capire quando effettivamente un Cristiano perde la sua irreprensibilità o la sua buona testimonianza e cosa dice la Parola di Dio a coloro che, chiamati al ministero, prima o dopo avere iniziato ad esercitare il ministero, perdono la loro irreprensibilità o la loro buona testimonianza.

3. Un anziano di chiesa che rimane vedovo, se si risposa può continuare a fare l'anziano?

4. Si fa sempre più insistente in Italia il bisogno di affermare il ministerio femminile come segno di emancipazione: tu cosa ne pensi?

5. Alla seguente pagina (www.lanuovavia.org/faq_chiesa_04.html) lei affronta la questione dei ministeri alle donne, e mi conceda, mi sembra che lei liquidi il problema in modo molto sommario e che sostenga tesi offensive nei confronti delle donne. Se crediamo nell'uguale dignità di uomo e donna, come si può affermare che la donna debba essere sottomessa e che non possa ricoprire le stesse cariche che ricopre l'uomo? Non è molto più sensato instaurare dei rapporti paritari fra uomini e donne, nel rispetto e nella stima reciproca? Come si può nell'anno 2000 sostenere che la donna debba tacere ed essere sottomessa perché più facilmente sedotta dal diavolo?

6. E’ giusto chiamare il locale di culto ‘Casa di Dio’ e ‘Chiesa’?

7. E’ giusto che il pastore non lavori ma sia sostenuto finanziariamente e materialmente dalla Chiesa che pastura?

8. Come mai molti credenti non vogliono contraccambiare il servizio che viene loro rivolto dai ministri del Vangelo?

9. Una donna può ricoprire l’ufficio di diacono?

10. E’ possibile ricevere più di un ministerio dal Signore?

11. La donna può insegnare la Parola di Dio?

12. E’ lecito usare gli strumenti musicali durante il culto per accompagnare i cantici?

13. Da poco mi sono affacciato alla fede evangelica, vorrei informazioni sulle ‘benedizioni di Toronto’. I fenomeni che si verificano in quella comunità vengono da Dio?

14. Chi non è battezzato in Spirito Santo può predicare in una chiesa?

15. Caro fratello Butindaro, io ho letto domande e risposte del suo sito e c'era una parte che diceva che non possiamo chiamare la Chiesa "Casa di Dio". Io ho sempre detto: ‘La Chiesa è la casa di Dio" perchè io ho letto nella Bibbia in Matteo 21:12 che Gesù entrò nel tempio, e ne scacciò tutti quelli che vendevano e compravano; rovesciò dei tavoli dei cambiamonete e le sedie dei venditore di colombi. E disse loro: La mia casa sara chiamata casa di preghiera, ma voi ne fate un covo di ladri. Anche in Isaia 56:7. Allora io le chiedo: ‘Io devo dire che la Chiesa è la casa di Dio e la casa di Gesù (dato che Dio è Dio Padre, Dio Figlio e Dio Spirito Santo)?

16. Ho trovato qui (USA) una buona comunità e in particolare un fratello che è un anziano di questa comunità che io ho sentito di amare subito. Però c'è un problema. Mi spiego, io sono entrato a fare parte del gruppo suonatori di questa Chiesa dove questo fratello canta e la moglie pure, io suono la chitarra con loro. Il problema è che quando inizia il culto la moglie parla parla sempre il che a me dà fastidio, e subito è scattato in me un senso di ribellione e così ho parlato col marito e lui mi ha detto che la moglie esorta l’adunanza. Solo Dio sa come non vorrei perdere questo fratello. Mi potresti consigliare tu cosa fare? Spero che hai capito la situazione. Io non so se tu la leggerai questa lettera, spero di sì, se vuoi posso essere più chiaro se non hai capito bene. Grazie e Dio ti benedica.

17. Caro fratello pace del Signore! Ti volevo chiedere se sai se Giovanni Rostagno, il pastore valdese che ha scritto il libro "Più presso a te Signor", insegnasse le medesime eresie del Luzzi dato che ho comprato codesto libro e a mio avviso sembra un buon libro di edificazione. Grazie.

18. Se in una comunità il conduttore o pastore viene accusato di aver commesso adulterio, ma non si hanno prove evidenti, come si deve comportare la Chiesa nei confronti del pastore, che da premettere si è comportato sempre bene e che secondo i fedeli è stata solo diffamazione nei suoi confronti?

19. …. sono un credente nato di nuovo dal 1990 faccio parte di una comunità evangelica pentecostale vicino Roma. Il Signore ha fatto una grande opera in me e nella mia famiglia, adesso i miei desideri sono rivolti al Regno di Dio e al progresso del Vangelo, tuttavia da quando ho creduto e anche ascoltando le testimonianze degli anziani nella fede, sono un pò sconsolato per la situazione attuale della chiesa, parlo in generale e parlo prima per me, spero di sbagliarmi ma vedo tanta tiepidezza, pochi convertiti, le Chiese non crescono forse diminuiscono, poco timor di Dio, poco amore, poco servizio, poca santificazione, preghiamo per un risveglio ma lo desideriamo veramente? Non vedo opere potenti, segni e miracoli che hanno caratterizzato i grandi risvegli del passato. Mi sembra che nessuno creda più veramente, c'è stanchezza spirituale, nessuno vuole aspettare, c'è fretta in ogni cosa. Abbiamo pregato per tanti fratelli gravemente ammalati, non mi ricordo molti guariti. Che sta succedendo alla Chiesa del Signore? Forse che siamo nel raffreddamento degli ultimi tempi? Il Signor Gesù è sempre ineffabilmente lo stesso e allora di chi è la colpa? Che si deve fare? Perdonami per lo sfogo, se hai parole di consolazione ti ringrazio anticipatamente.

20. E’ necessario che io frequenti un Seminario Teologico per servire Dio?

21. Perché noi siamo il tempio di Dio?

22. Un anziano ha l’obbligo di astenersi dal vino?

23. Pace del Signore fratello, spesso tra credenti si dice che un Cristiano non debba mettersi in intimità con un altro fratello. Bibbia alla mano si può dimostrare ciò? Un Cristiano con il proprio fratello deve mantenere un rapporto freddo e scostante?

24. Gradiremmo ricevere informazioni alla luce della Parola di Dio in merito a queste due domande, grazie. 1) L'Ecumenismo è scritturale oppure no? 2) La facoltà delle organizzazioni religiose di raccogliere soldi attraverso la dichiarazione dei redditi, vedi l'8 x 1000, è scritturale oppure no?

25. Caro Giacinto, pace. Ho voluto scriverti questo mio personale pensiero, con il semplice proposito di sapere cosa ne pensi e quale sia l’opinione tua e di tuo fratello Renato a riguardo della trasmissione cristiana "Chuck e Nora" (credo che la conosciate) che sabato scorso ho avuto modo di seguire per alcuni minuti sull’emittente locale Teletevere, anche se sono pienamente consapevole della vostra completa avversione verso la televisione. Come è avvenuto altre volte che ho avuto l’occasione di assistere ad alcuni momenti di questa trasmissione (che credo sia da tanti anni in onda), francamente non sono rimasto molto edificato per il fatto che si svolge in uno studio molto appariscente e che alcuni brani musicali proposti sono presentati da cantanti che si muovono (quasi danzano) e con una coreografia molto mondana. Inoltre, come altre volte mi è capitato di vedere, hanno mandato in onda uno spezzone del programma di Benny Hinn dagli Stati Uniti. In questo programma, credo che siate già a conoscenza di questo fatto, secondo me avviene una cosa strana, e cioè in un clima di grande euforia, in uno stadio con migliaia di persone radunate, Benny Hinn fa salire sul palco tutti coloro che hanno ricevuto una guarigione in quella speciale giornata e toccandole o sfiorandole con le mani tutte cadono a terra, che si presuppone per la potenza dello Spirito Santo. Ma!? Io rimango perplesso. Mi sembra solo qualcosa di spettacolare. Non credo che lo Spirito Santo operi in questa maniera. Cosa ne pensate? Visto che trasmettono da Marnate, provincia di Varese, se non ricordo male, che è vicino alla vostra città di provenienza, che mi sapete dire sul loro conto? Appartengono a qualche denominazione di fede pentecostale? A mio parere, come avviene da quello che ne so nelle comunità ADI, bisognerebbe mettere in guardia tutti i credenti che guardano la TV da queste trasmissioni che possono portare confusione o addirittura scandalizzare qualche giovane credente. Per esempio ti dico che un giovane credente tempo fa, parlando con un suo amico di scuola, non ha saputo rispondere alla domanda: ma voi Evangelici non dite che non bisogna farsi immagini? Purtroppo aveva visto la trasmissione e la sua attenzione era caduta su alcune immagini che vengono utilizzate come coreografia nella trasmissione. Credo che c’è qualche messaggio genuino in quello che dicono, ma in tanta sfarzosità contornata da un pizzico di mondanità (e mi risulta anche che richiedano spesso dei contributi in denaro allo scopo di avere una televisione cristiana che trasmetta 24 ore su 24 solo programmazione cristiana come già avviene negli Stati Uniti), l’opera dello Spirito Santo è limitata, non può operare liberamente, se non addirittura in alcuni casi ostacolarne l’efficacia.

26. Può la donna evangelizzare o avere un programma in una radio/evangelica dove viene diffusa la parola del Signore? Il presentarsi davanti alla Chiesa per dare una testimonianza o leggere una parola della Bibbia é considerato pregare?

27. Caro Fratello Giacinto, pace nel Signore. Scusami se Ti ho scritto, ma ho bisogno di un informazione riguardo al Dono di Pastore. Come Tu hai giustamente detto, è classificato nei Doni di Ministerio (Ef. 4:11), ma Tu hai altresì detto che la (se ho capito bene) Primitiva Chiesa era pasturata da "anziani" e che non v'era un uomo chiamato Pastore che da solo Pasturasse il Gregge di DIO, però Hai detto anche che le 7 stelle sono gli angeli delle sette chiese, e che sono i Pastori; ma nei Doni Ministeriali non sono forse tutti uguali? Non era forse meglio se si fosse restati con le comunità curate solo dal collegio degli Anziani evitando forme di papismo che purtroppo si verificano sempre più frequentemente? E' vero che il Signore cita l'Angelo della chiesa e parla del suo ministerio però la domanda è anche questa: secondo te il Signore ha parlato così perché vi era già un Pastore che governava la Chiesa o perché Egli sapeva già in anticipo che si sarebbe messo in mezzo questa figura Principale nella Comunità? E poi, gli Anziani non sono da Paolo chiamati anche loro Vescovi? (Atti 20:28) e Paolo non dice egli a loro che devono "Pascere la Chiesa di Dio? Allora cosa abbiamo, un pastore (cioè un Anziano Vescovo) che è maggiore degli altri Anziani o Vescovi chiamati a loro volta Pastori? Non sembra anche a Te che ci siamo allontanati dal modello di Conduzione Biblica della Chiesa?

28. I falsi dottori di cui parla l’apostolo Pietro nella sua seconda epistola sono delle persone che un giorno avevano conosciuto il Signore, o delle persone che non hanno mai conosciuto il Signore?

29. Ma alla donna è vietato anche pregare in assemblea, dato che è scritto che le donne si devono tacere nelle assemblee (cfr. 1 Cor. 14:34)?

30. Qual è la maniera scritturale per raccogliere denaro dai credenti per l’opera di Dio?

31. In tutto questo tempo la donna ha cercato di raggiungere la parità dei sessi dimostrando di avere un cervello pensante tale e quale a quello maschile, mentre se dovessimo dar seguito alle interpretazioni bibliche la donna dovrebbe essere sottomessa all'uomo e stare in silenzio. Non crede che le Sacre Scritture andrebbero seguite e interpretate in base alla società odierna? L'uomo ha la ragione che lo contraddistingue dalle bestie e, secondo me dovrebbe essere usata per ragionare e discernere quello che è giusto da quello che è sbagliato. Che la donna non è una peccatrice maggiore dell'uomo si vede lontano un miglio. Che ne dice?

 

CHIESA DEL VANGELO QUADRANGOLARE

1. Caro fratello Butindaro, siccome nella mia comunità da un pò di tempo sta frequentando un fratello che proviene da una comunità Quadrangolare, potresti spiegarmi i punti di fede, e la loro dottrina?

 

CIBI

1. Un Cristiano deve astenersi dal mangiare i cibi impuri della legge?

2. In che consistono le cose sacrificate agli idoli da cui ci dobbiamo astenere?

3. In che cosa consistono le cose soffocate da cui noi ci dobbiamo astenere?

4. Che cosa significa che noi dobbiamo astenerci dal sangue?

5. Se tutto il Creato è un'opera di Dio, come può Dio permettere che tutti gli animali che sono esseri viventi con cervello e sentimenti siano a nostra completa disposizione e subire le crudeltà che l'uomo impone loro? L'uomo ha la ragione che lo contraddistingue dalle bestie e, secondo me dovrebbe essere usata per ragionare e discernere quello che è giusto da quello che è sbagliato. Che gli animali trasportati verso il macello o quelli che vengono vivisezionati vivi soffrano si vede lontano un miglio… Che ne dice?

 

CREAZIONE

1. I sei giorni della creazione sono da intendersi come lunghi periodi di tempo (secoli, millenni, ecc.) o letteralmente come giorni di 24 ore?

2. Cosa ne pensi della Gap-Theory? Può essere vera?

3. Dio creò l’universo traendolo da della materia preesistente?

4. La teoria dell’evoluzione sia del pianeta terra che dell’uomo è compatibile con ciò che insegna la Bibbia?

5. Mi permetto d'approfittare del vostro invito a scriverVi per risolvere un problema che alcuni studiosi hanno rinverdito da quando, secondo loro, nel pianeta Marte sono state (scoperte) tracce di una civiltà evoluta (Cydonia). La stessa, teorizzano, fu distrutta da un immane cataclisma che prosciugando gli oceani fece scomparire anche l'atmosfera del pianeta distruggendo, quindi, ogni forma di vita. La loro speculazione insiste nel pensare che Dio, nel perseguire la trasgressione di Satana, abbia provocato lo scoppio del quinto pianeta: l'Astera, secondo gli astronomi, il Rahab secondo Geremia 4: 23 -25 e Salmo 29 (Rahab, dicono, doveva essere la residenza amministrativa di Satana di questa parte dell'universo). La deflagazione avrebbe ridotto in frantumi il pianeta formando, di conseguenza, la cintura degli asteroidi, con le porzioni più voluminose, e le comete che girano nel limite esterno del nostro sistema solare, composte dal ghiaccio derivato dai mari di Marte e dai detriti minori. Continuano pensando che alcune meteore originate dal cataclisma siano penetrate nella nostra atmosfera cancellando anche qui ogni forma di vita. Epoca probabile 10.450 anni fa. Dopo di che, intorno a 7.300 anni fa, Dio ricrea nella terra le premesse per ospitare Adamo e i suoi discendenti, noi. Ecco, quindi, riapparire la "GAP THEORY" corroborata e dalle prove suddette, - dall'uomo "Cro-Magnon", apparso intorno a 35.000 anni or sono (l'uomo di Neanderthal, come i suoi predecessori, è ritenuto un primate da una buona parte di scienziati); - dai blocchi di Okinawa e Bimini nel Golfo del Messico, datati entrambi, proprio in questi giorni, a 12.000 anni fa; - (dal mito?) dell'inabissamento di Atlantide ecc. ecc. La versione riveduta della Bibbia, nel quarto verso del 12.mo capitolo del Profeta Daniele afferma che al tempo della fine "MOLTI LO STUDIERANNO CON CURA E LA CONOSCENZA AUMENTERA'". Ritenete che ciò che ho qui sopra riportato è uno dei casi a cui si riferisce il Profeta? Anche se ritengo che dal punto di vista delle dottrine di Dio e della questione della Salvezza l'eventuale interpretazione di Genesi 1: 1-2 secondo la "GAP THEORY" non è cruciale, potreste comunicarmi un vostro pensiero?

6. Io credo in quello che dice la Bibbia in Genesi (la creazione del mondo), però io ho un dubbio "I dinosauri". Gli scienziati affermano che questi animali sono esistiti migliaia di anni fa (in alcuni musei ci sono in esposizione le strutture ossee dei dinosauri). Come mai questo? Sono esistiti davvero e quando?

 

CRISTIANI

1. Perchè i Cristiani usavano (e usano ancora) il simbolo del pesce?

2. I Cristiani hanno un solo Padre, cioè Iddio, ma hanno anche una madre?

 

DECIMA

1. Un cristiano deve pagare la decima?

2. In relazione alla FAQ (bisogna pagare la decima?) del vs. sito, la prima frase in risposta dice testualmente: "No, un cristiano non deve osservare il precetto della decima e questo perché egli è sotto la grazia e non sotto la legge di Mosè (cfr. Rom. 6:14)." Ma ricordo male o Abramo decimò? Egli non era sotto la legge ed è il precursore di coloro che vivono per fede nella grazia di Dio.

3. Desideravo avere un chiarimento sulla decima. Molti predicatori sostengono che è un'azione che va fatta obbligatoriamente alla propria Chiesa di appartenenza, altri che si è liberi di gestirla come si crede, secondo i bisogni che vediamo; altri ancora sostengono che ormai è qualcosa di superato, appartiene all'Antico Testamento ed ognuno può gestire la cosa come crede più opportuno. Voi cosa ne pensate?

 

DEMONOLOGIA

1. Il diavolo esiste?

2. Un credente può essere posseduto da demoni?

3. I demoni o spiriti maligni possono essere mandati via dal corpo di una persona? Se sì, in che maniera?

4. I demoni ci possono fare del male a noi figli di Dio?

5. Il diavolo può impedire a Dio di rispondere ad una nostra preghiera?

6. I demoni in che cosa credono riguardo a Dio?

7. I demoni possono far parlare in altre lingue?

8. Il diavolo e i suoi demoni sanno che verrà il giorno in cui saranno gettati nel fuoco eterno per esservi tormentati per l’eternità?

9. I demoni possono entrare anche negli animali?

10. Vorrei sapere da te che differenza c'è tra essere posseduto e avere dei legami

11. Carissimo, proprio questa sera mi sono incontrato con un carissimo fratello in Cristo e mi diceva se potevo condividere con lui una ricerca sulla "demonologia" (lui è da 20 anni che è nella fede, mentre io solo da 3 e non sono stato ancora battezzato. Ho accettato perchè ricercare e leggere mi piace. Abbiamo letto il versetto 4 del cap. 2 di 2° Pietro il quale dice: "Se Dio infatti non risparmiò gli angeli che avevano peccato, ma li cacciò tenendoli in catene di tenebre infernali, per esservi custoditi per il giudizio". A questo punto lui si chiede: ma se sono imprigionati, chi è che dà fastidio al genere umano? Quindi ci chiediamo: chi sono i demoni? Chi sono gli spiriti, e chi gli angeli decaduti? In attesa di una Tua eventuale risposta, ti saluto. Dio ti benedica!

12. Stavo leggendo uno scritto della "chiesa apostolica antica", dove parlavano dell'esistenza dei tre "cieli", che lì catalogano in atmosferico, astronomico, e paradisiaco (il terzo cielo). Riguardo al cielo atmosferico dicono: "La Bibbia parla degli uccelli del cielo, delle nuvole e delle piogge del cielo. Gli uccelli volano e le nuvole fluttuano nell'atmosfera della terra che si estende a poca distanza al di sopra della superficie d'essa. Questo, dunque, è il primo cielo. Qui, Satana ha stabilito il suo centro di operazioni, usando anche gli elementi per i suoi loschi fini (Giobbe 1:16-19; Matteo 8:23-27; Efesini 2:2) ed indubbiamente questa è la ragione per cui l'opera del secondo giorno non fu pronunziata "buona" (Genesi 1:6-8)." Non avevo mai fatto caso prima che effettivamente nella Genesi Dio non dice che l'opera del secondo giorno fu buona, mentre gli altri giorni sì. So che Satana è chiamato il principe delle potestà dell'aria, ma non so fino a che punto devo prendere per buona la spiegazione riportata sopra. Gradirei un tuo commento in merito a questo fatto. Grazie.

13. Nella mia Chiesa dicono che anche le persone indemoniate o con gravi legami diabolici possono glorificare Dio e lodare il nome di Gesù. Per me è una grave bestemmia e sono cose che mi turbano e creano in me tanta paura e confusione! E' vera una cosa del genere? Non credo che un posseduto possa dare gloria a Dio e lodare il nome di Gesù. Può inoltre un indemoniato stare in Chiesa senza manifestarsi?

14. I maghi possono liberare mediante le loro arti occulte una persona posseduta da demoni? Hanno l’autorità di cacciare gli spiriti maligni dal corpo di una persona?

15. E’ normale che un Cristiano abbia paura del diavolo?

16. Quando si cacciano i demoni nel nome di Gesù Cristo, si possono mandare nel fuoco eterno?

17. Vorrei sapere il tuo punto di vista su possessioni di bambini (sono possibili, e se sì in quali casi?)

 

DILUVIO

1. Il diluvio che ci fu ai giorni di Noè fu universale o riguardò solo una parte della superficie terrestre?

2. Perché Dio, dopo il diluvio, pose un arcobaleno nel cielo?

 

DIO

1. Dio esiste?

2. Chi ha creato Dio?

3. Qual'è il nome di Dio?

4. Si può conoscere Dio?

5. C'è stato qualcuno che ha visto Dio?

6. Ma Dio parla ancora come faceva anticamente, cioè tramite visioni, sogni o facendo udire la sua voce?

7. I terremoti, gli alluvioni, i fulmini che si abbattono contro le persone, la grossa grandine, e altri fenomeni naturali che causano disastri (e spesso anche tante vittime) sono giudizi di Dio?

8. In un tuo scritto ho letto prendendo spunto da Ebrei 12:6 che "Dio corregge i suoi figliuoli perchè li ama", cosa intendi per 'correzione e flagellare'? In molte Chiese si argomenta che in queste correzioni è prevista anche la malattia ritenendo quindi Dio come il mandante del male!!! al fine di educare i suoi figliuoli.

9. Si sente spesso dire che Dio odia il peccato ma non il peccatore: corrisponde al vero?

10. Ma Dio qualche volta commette degli errori?

11. Ma Dio si prende realmente cura di ogni particolare della nostra vita?

12. Se Dio è amore come può condannare delle sue creature ad una eternità piena di tormenti?

13. Se Dio esiste ed è così potente come dite, come mai non interviene per mettere a posto questo mondo così corrotto e depravato, per porre termine ad ogni iniquità ed ingiustizia?

14. Perché Dio deve essere adorato?

15. Se Dio è onnipotente come mai non ha impedito che il peccato entrasse nel mondo e producesse questi danni?

16. Sono uno studente universitario. Ho poco fa letto la vostra pagina web, dove si afferma che l'inferno esiste. Avrei delle domande e dei dubbi da chiarire a riguardo, e spero che lei lo faccia con il dovuto rispetto e serietà, vista la serietà dell'argomento; la ringrazio anticipatamente. Sicuramente leggere certe cose non fa piacere, sopratutto ad un tipo come me che ha già dei problemi da risolvere in vita. Anzi, da quando l'ho letta sono entrato come si suol dire, un po' "in paranoia". Sono cresciuto in un ambiente cattolico e seppur pieno di domande esistenziali e su Dio, a cui la Chiesa non sa rispondere, e dalle quali mi deriva una fede a volte un po’ ballerina, mi considero un Cristiano e da Novembre ho accettato di insegnare Catechismo ai bambini della cresima. Premesso questo, mi considero un peccatore. Me ne dolgo, ma a volte cado in errore. La perfezione ancora non mi si addice e non so se mai la raggiungerò! Ma da qui la prima domanda: In quanti raggiungono questa perfezione? e per gli altri? subito l'inferno? si parla di colui che pecca come di una brutta bestia maledetta!!.. ora non per questo dico: pecchiamo. Ma le sembra davvero tanto grave passare una serata un po’ sbronzi con degli amici? o parlare di ragazze facendo degli apprezzamenti? o ancora non riuscire a resistere ad una bella donna e farci l'amore? potrà non essere una cosa apprezzata da tutti, ma da qui a dire che per questo si merita di BRUCIARE NELLE FIAMME ETERNE (!!!!) penso ci sia una differenza INFINITA!!!!! Quello che vorrei porre all'attenzione è il fatto che c'è un'IMMENSA SPROPORZIONE tra la COLPA che si ha e la PENA da scontare!!! Lei mi dirà: ma Gesù ci aveva avvertito! Sì, ma la facilità di entrare in un incubo infinito simile rimane, ed è troppa!!! perché rimane la natura debole dell'uomo ma non per questo diabolica e meritevole di tanto strazio. Veniamo catapultati in questo fragile mondo senza un evidente perché, ognuno con i propri problemi da risolvere, ognuno con i propri mezzi, e sopratutto ognuno con i propri apprendimenti ed esperienze che segnano mi creda, a volte per tutta la vita.. Possiamo scegliere? Sì, glielo dica ad uno a cui la vita ha dato sempre molto filo da torcere e che magari per questo ha imparato ormai a sopravvivere in maniera disfunzionale .. e non mi riferisco solo ai drogati, o a quelli che vivono ai margini della società, ma anche a quelle persone che ad es. hanno imparato a essere egoisti, o ad essere diffidenti. Non sono/siamo poveri Cristi? senza voler a questo punto discolpare totalmente, ma era solo per farle quanto per me il discorso sia ben più complesso di un: "cattivello!.. non hai creduto in Gesù e mo te ne vai ad arrostire giustamente all'inferno per tutta l'eternità!"... Mi creda, è con la morte nel cuore che glielo dico, ma questa storia dell'inferno mi disgusta e quasi mi allontana dal Signore invece di farmelo amare... DOV'E' la sua misericordia se permette a me ed ai miei fratelli di finire per sempre all'inferno con questa facilità?? Dov’è il Suo Amore? non è facile per tutti accettare la storia di Gesù, lo vedo nei miei amici, ma non è perché la vita ti ha presentato altre realtà, che meriti di bruciare all'inferno, non so se mi spiego. Per chiudere pensavo: le anime in paradiso si distinguerebbero per il loro amore e la loro dedizione verso il prossimo: ma se sono così caritatevoli, come possono essere piene di gioia seppur tanto vicino al Signore, se poi molti dei loro parenti, amici, fratelli in quanto esseri umani comunque, bruciano all'inferno eternamente tra disperazione e lacrime??? Io glielo dico, non sarei contento, se, benché dall'alto del paradiso, anche un solo conoscente si bruciasse laggiù!! Le pare una domanda sciocca? P.S. e il purgatorio che ruolo avrebbe? Spero vivamente mi possa dare qualche chiarimento e qualche parola di conforto, con la stessa serietà con la quale io mi sono aperto a lei. La ringrazio molto e la saluto.

17. Dio ci prova?

18. Prima della venuta di Cristo, Dio veniva chiamato ‘Padre’?

19. Leggendo l’Antico Testamento mi pare che Dio fosse più pronto a fare le sue vendette di quanto lo sia adesso sotto la grazia; cosa ne pensi di questa mia impressione?

DONI DELLO SPIRITO SANTO

1. Ma quando uno parla in altra lingua a chi si rivolge?

2. Ma il parlare in lingue più l'interpretazione costituisce una profezia?

3. In che cosa consiste il dono di parola di sapienza?

4. In che cosa consiste il dono di parola di conoscenza?

5. Perché non tutti i credenti parlano in altre lingue?

6. Qual'è il maggiore, il dono di guarigione o quello di potenti operazioni?

7. Quando si parla in lingue chi è che parla, il credente? e perché parla a sè stesso? perché attraverso il parlare in lingue uno edifica sè stesso e cosa avviene?

8. Le lingue sono cessate?

9. A cosa servono le lingue o meglio a cosa serve il parlare in altra lingua?

10. E’ possibile ricevere più di un dono dello Spirito Santo?

11. Quando degli Evangelici dicono a proposito dei Pentecostali che chi oggi parla in lingue e caccia i demoni, e fa guarigioni nel nome di Gesù, includendo anche i Pentecostali tra questi, compie queste cose per l’aiuto di Satana o comunque sotto l’influenza di forze spirituali malvagie, come occorre giudicarli? Si può dire che parlano contro lo Spirito Santo?

12. Ho letto qualcosa sul dono di profezia nel vostro sito e ho letto l'intero capitolo di 1 Corinzi 14 in più confrontandolo con il commentario Biblico... vorrei farvi qualche domanda sul dono di profezia: Un uomo che profetizza da DIO e che non ha mai errato nel profetizzare può avere una Parola da DIO per una sorella (o un fratello) che non fa parte della sua chiesa locale?... da quello che ho letto nella Bibbia Gesù e gli apostoli intendono come "Chiesa" l'intero corpo dei credenti... di cui anche io faccio parte... allora mi chiedo perché molti credenti mi dicono che la Parola che mi è stata data da DIO non deve corrispondere al vero perché non sono parte della chiesa locale del credente che mi ha rivelato questa profezia! Una profezia che viene da DIO deve avere delle caratteristiche... L'edificazione, l'esortazione e la consolazione... e io ho ricevuto tutte queste cose. Tramite una amica ho conosciuto un fratello che ha dono di profezia, ho avuto modo di parlare con lui e scambiarci diverse e-mail nelle quali ho un pò aperto il mio cuore e lui, prima di tutto, mi ha consolata con le promesse di DIO che stanno nella Bibbia... mi ha poi dato un versetto: Salmi 37:7: "Sta' in silenzio davanti al SIGNORE, e aspettalo..". La cosa all'inizio mi ha colpito perché lo stesso versetto mi era stato dato un giorno prima da una sorella... e due giorni più tardi tramite sms da un amico che sta dando il suo cuore al SIGNORE. Poi questo fratello mi ha detto che il SIGNORE è molto vicino ad esaudire le mie preghiere e che il mio pianto ha aperto le porte del cielo e il sigillo della grazia. Ho poi parlato della preghiera che ormai da mesi faccio a DIO... di cui ho prima accennato a lui il contenuto (senza andare nei particolari), la cosa che mi rende triste è che chiedo a DIO un compagno... (la mia Chiesa è tanto piccola e non c'è nessun credente giovane che mi interessi...) e sono sconsolata e afflitta perché non voglio un ragazzo "del mondo" ma un figlio di DIO ma non ho idee di come e dove potrei trovarlo! Questo fratello mi ha detto che lo Spirito Santo gli ha rivelato che quest'uomo che DIO ha preparato per me è a me molto vicino e DIO stesso mi rivelerà chi è... ha continuato dicendo che non dovrò aspettare molto... poi disse che non lo avrei trovato nella mia Chiesa e io non dovevo fare nulla per trovarlo perché sarebbe arrivato lui. Più o meno questo è quello che mi ha detto... Ma ora tutti cercano di dirmi che non è una cosa Biblica quella che mi ha detto perché è una cosa personale e non di edificazione alla chiesa (ma io….. non sono parte della chiesa??)... so che questo fratello ha profetizzato a molti credenti e DIO ha sempre mantenuto ciò che ha detto per mezzo di quest'uomo... così mi ritrovo stretta da due lati.. uno che mi porta a dire che forse non ha profetizzato da DIO... un altro che chiede conferma a DIO delle Sue parole mi dice di avere fede! Ho chiesto a DIO conferma... e oggi ho sentito di aprire la Bibbia che ho acquistato da poco.. è la Nuova Riveduta versione 2000 e ogni parola detta da Gesù è colorata in rosso... così il mio pensiero è stato questo: Signore... parlami attraverso le Parole di Gesù... il primo versetto che troverò segnato in rosso sarà quello che vorrai dirmi (non so perché mi è venuto in cuore questo.. non apro mai la Bibbia così) e il versetto che ho trovato dice questo: "Gesù gli rispose: Tu non sai ora quello che io faccio, ma lo capirai dopo" (Gv 13:7) e mi sono tornate in mente le parole di quel fratello... "Dio vuole vedere la tua pazienza"... infatti io ora non capisco il piano di DIO per la mia vita.. ma gli chiedo sempre di rivelarmeLo... ora vi chiedo... sulla base dei vostri studi Biblici... cosa pensate di quello che questo fratello ha profetizzato per me? Certo è che mi ha dato Edificazione con la Parola di DIO... Esortazione perché mi esorta continuamente a pregare e non stancarmi e confidare nelle promesse del SIGNORE e la Consolazione perché ogni volta che mi parla da parte di DIO sento una gran pace e la paura svanisce... ma poi arriva qualcuno che mi dice che sono un pò illusa e che DIO non mi parlato, così ritorno a disperarmi e a chiedere a DIO di farmi capire se questo fratello ha parlato davvero tramite Lui! So che sarete sinceri... spero in una vostra risposta... vi benedico nel nome di Gesù!! …. (grazie per le benedizioni che porta il vostra sito!)

13. Caro Fratello sono un Cristiano Evangelico che desidera avere una risposta alle sue domande. Nel leggere le Sacre Scritture, mi sono reso conto che nelle comunità attuali mancano quei segni caratteristici che erano parte integranti che accompagnavano la primitiva Chiesa, sia nella proclamazione del Vangelo del nostro Dio, Signore e Salvatore, JHWH Cristo (vedi Marco 16:16-18) sia i doni carismatici che accompagnavano il primitivo Culto Cristiano. Ho rivolto al pastore questa domanda e lui mi ha risposto in un modo che io non ritengo cristiano. 1°) mi ha detto che i doni non sono cessati perché Cristo ha guarito una sorella in risposta ad una preghiera, ma io dico che secondo me la guarigione della sorella non è un dono carismatico perché nel dono Dio (Cristo) agisce attraverso l'uomo, invece in questo caso Cristo Gesù ha agito in risposta alla preghiera comunitaria 2°) ha poi detto che Dio non distribuisce più i doni perché ha cambiato modo di fare perché se Cristo dà per esempio il dono di guarigione a qualcuno, questi potrebbe inorgoglirsi e perdere la salvezza. Hai visto che modo di rispondere? Caro fratello, non si capisce più niente; tanti Pastori inventano dottrine partorite da loro e pretendono che uno le accetti senza confrontarle alla luce delle Sacre Scritture e se per caso uno dice che uno non è Pastore, perché non mostra con il suo parlare il carisma di meditazione ispirata, ti accusano di peccare contro lo Spirito Santo, ma le Sacre Scritture mi dicono che devo investigare gli spiriti per sapere se sono da Dio ma evidentemente qualcuno pretende di avere l'infallibilità nel parlare, e che quando parlano loro è sempre Dio che parla, e quando parlano gli altri chissà chi è che parla …..

14. I miracoli e le guarigioni sono cessati dopo la morte degli apostoli?

15. Può chi parla in lingue dare personalmente l’interpretazione?

16. Può il parlare in altre lingue essere espresso in periodi intercalati dall’interpretazione e quindi sembrare più un dialogo che un discorso?

17. Avrei una domanda da presentarti circa l'insegnamento sui doni spirituali. Su quali basi definisci che la parola di sapienza riguarda il passato e la parola di conoscenza il futuro? Ho capito bene? Se sapienza è applicazione divina della conoscenza, come è accaduto con Salomone e l'episodio della divisione del figlio tra la madre vera e quella falsa, non sarebbe più giusto definire la parola di sapienza come una rivelazione divina di una conoscenza spirituale impartita da Dio così come avvenne nel giorno della conferenza di Gerusalemme tramite l'apostolo Giacomo? Vedi che la sua parola mise a tacere una intera controversia e dette una direttiva definitiva alla chiesa. Circa il dono della fede e di miracoli se definiamo un miracolo come lo stravolgimento dell'ordine naturale delle cose, non sarebbe più giusto definire l'esercizio del dono di fede con l'esempio di Gesù che seccò il fico e la moltiplicazione dei pani come un miracolo?

 

EBREI

1. Come mai molti Ebrei hanno l’usanza di tenere un copricapo anche quando pregano?

2. Ho visto che sulla bandiera dello Stato d’Israele vi è una stella a sei punte; che significato ha?

3. Ho notato che molti Ebrei quando pregano si dondolano; come mai?

4. Ma cosa dicono gli Ebrei su Gesù di Nazareth?

5. Gli Ebrei aspettano tutti il Messia? E come se lo aspettano?

6. Gli Ebrei praticano ancora la circoncisione?

7. Esistono ancora sacerdoti e Leviti tra gli Ebrei? E se sì, che funzioni svolgono nel culto della religione ebraica?

8. Ma perché gli Ebrei rifiutano di accettare Gesù di Nazareth come il Messia promesso da Dio tramite i profeti?

9. Ho visto che sullo stipite della porta di casa gli Ebrei tengono appesa una scatolina; di che cosa si tratta?

10. Perché per gli Ebrei il Muro del Pianto è così importante?

11. Ho sentito dire che gli Ebrei Ortodossi sono devoti allo Stato di Israele; questo discorso vale per tutti?

12. Gli Ebrei vogliono ricostruire il tempio?

13. Oltre al Vecchio Testamento, gli Ebrei fanno uso di altri libri?

14. Sto leggendo un libro sull' Ebraismo e spesso usa E.V. come noi usiamo a.C. o d.C. Noi intendiamo Gesù ma loro cosa identificano in questo acronimo?

15. Cari Giacinto ed Illuminato, avrei una domanda da farvi: perchè gli Ebrei non hanno riconosciuto Gesù come Figlio di Dio ?

 

ESCATOLOGIA

1. Quando verrà la fine di questo mondo?

2. Il regno millenniale sulla terra è da intendersi simbolicamente o letteralmente?

3. I malvagi saranno annichiliti o tormentati per sempre?

4. Ma quando si muore si cessa del tutto di esistere o si va in un altro mondo dove si continua a sentire, vedere, ricordare ecc.?

5. Ma che significa che i morti dormono?

6. Ho sentito spesso parlare di un settimo cielo; che dice la Bibbia a riguardo?

7. I morti ci vedono e ascoltano?

8. In cielo ci riconosceremo?

9. Il Signore Gesù tornerà a prendere i suoi eletti prima o dopo che sarà manifestato l'anticristo?

10. Riguardo al Paradiso vorrei dirle una cosa. Lei crede come tutti i cristiani che il Paradiso sia la nostra destinazione finale. Io non ci credo. Il Salvatore disse al ladrone a fianco a Lui "..oggi sarai meco in Paradiso" Luca 23:43 e poi quando apparve risorto disse alla Maddalena che voleva toccarlo ".. non mi toccare perchè non sono ancora salito al Padre" Gv 20:17...e allora mi dica Lei se Gesù non appena morì andò in paradiso con il ladrone come potè in seguito dire di non essere ancora salito al Padre?

11. Come potrà succedere la resurrezione corporale, ossia come potrà un corpo essere riportato a vivere dalla polvere?

12. Il fatto che Gesù, in relazione alla sua seconda venuta, abbia detto che quanto a quel giorno e quell’ora nessuno li sa, significa che invece per ciò che concerne il mese o l’anno o il secolo qualcuno li sa?

13. In merito alla vita ultraterrena, voglio domandarti questo: se i santi quando muoiono vanno in paradiso e sono pienamente coscienti, non è possibile una loro eventuale intercessione a favore di noi che siamo sulla terra?

14. I miei cani verranno in paradiso con me?

15. Chi saranno i due testimoni di cui si parla in Apocalisse al capitolo 11 ?

16. Caro fratello in Cristo, pace del Signore. Ho letto la tua risposta nella Sezione Escatologia n. 15 su apocalisse 11 relativa ai due testimoni e riscontro che è l'opinione comune. Ma io continuo a pensare che siano Elia e Mosè. Perchè? Al versetto 36 di Ap. 11 è scritto: "Costoro hanno potestà di chiudere il cielo, perchè non cada alcuna pioggia nei giorni della profezia; essi hanno pure potestà sulle acque, per convertirle in sangue e per percuotere la terra con qualunque piaga, ogni qualvolta che vorranno.". Su Elia siamo d'accordo per le ragioni che hai detto tu, ma questo versetto non parla anche di Mosè? Non potrebbe avere una resurrezione come quella di Lazzaro? In Deuteronomio cap. 34 v. 6 è scritto: "E l'Eterno lo seppellì nella valle del paese di Moab, di fronte a Beth-Peor; e nessuno ha conosciuto fino ad oggi il luogo della sua tomba." In Giuda v. 9 è scritto: "Invece l'Arcangelo Michele, quando in contesa col diavolo disputava intorno al corpo di Mosè, ...". Per ultimo ricordo il monte della trasfigurazione dove a Gesù, Pietro, Giacomo e Giovanni apparvero appunto Mosè ed Elia. Non può Dio aver nascosto fino ad oggi il suo corpo, non cedendolo a Satana, per resuscitarlo negli ultimi tempi? Cosa ne pensi?

17. Ti voglio comunicare anche, a proposito, un sito, che ho trovato su Web Ring di Yahoo, in cui parla, in un articolo dal titolo: ‘L'anima è immortale?’, tutto al contrario di come crediamo riguardo l'inferno ed altro. Forse già lo conosci, si chiama ‘La Chiesetta in Campagna’. Se ti è possibile, ti vorrei pregare di farmi sapere cosa ne pensi, o se già hai scritto qualcosa a proposito. Una cosa che ho notato, anzi che non ho notato, nell'articolo summenzionato, è che non viene menzionato il passo di Luca del ricco e Lazzaro. …. Ringraziandoti ancora ti do fraterni saluti.

18. Gli empi, quando saranno giudicati, riceveranno la medesima condanna?

19. Che cosa significa che i santi giudicheranno il mondo e gli angeli (cfr. 1 Cor. 6:2-3)?

20. In cielo coloro che sono sposati continueranno ad essere sposati?

21. Ho un grosso dubbio che spesso mi tiene lontano da Dio. Come mai alcuni versi della Bibbia dicono che verrà il giorno del giudizio e verranno giudicati i morti e i vivi? Ciò mi fa presupporre che tutti i morti antecedenti al giudizio, le loro anime non si sa dove sono (in Paradiso? nel purgatorio? nell'inferno?). Spero che capisca la domanda.

22. Che cosa sono le potenze che sono nei cieli e che Gesù disse saranno scrollate (cfr. Matt. 24:29; Marco 13:25; Luca 21:26)?

23. Possiamo noi Cristiani aiutare i nostri cari che sono morti nei loro peccati?

24. Ma è vero che Gesù Cristo un giorno ritornerà?

25. La Bibbia parla della reincarnazione?

26. E’ vero che la Bibbia insegna che il corpo che va nella tomba un giorno sarà risuscitato?

27. Che cosa dice la Bibbia a riguardo del Giudizio finale?

28. Ti scrivo per avere dei chiarimenti intorno alla dottrina dell'immortalità dell'anima. Ho letto dall'indice degli avventisti il capitolo 5 che tratta l'anima. Fino ad oggi sono sempre stato convinto di un'esistenza dell'anima nel corpo fisico e di una sua esistenza anche dopo la morte. Ultimamente ho intrapreso questo studio dietro coinvolgimento di un Pastore avventista (Paolo Benini). La mia domanda che rivolgo a te è la seguente: Se Gesù è la vita, che tutte le cose sussistono in Lui, che in Dio ci muoviamo, viviamo e siamo, come può un'anima avere esistenza all'inferno seppure punitiva? La morte è separazione da Dio ch'è vita, ma l'eterna condanna di satana, dei demoni e degli uomini comporta un'esistenza. Vorrei capire come una cosa può esistere essendo anche separata da Dio. Un altro punto per me ancora incomprensibile è: Se alcune anime con la morte vanno direttamente all'inferno e quindi patiscono i tormenti del fuoco, come mai la Bibbia insegna la risurrezione dei morti e il giudizio finale?

29. Nei tuoi studi non ho trovato uno studio sulle settanta settimane. Che cosa pensi dunque delle settanta settimane di Daniele? Alcuni vi vedono la predizione della prima venuta di Cristo e della sua opera di redenzione, tu che ne dici? Vorrei poi sapere se sei d'accordo sullo spostamento della settantesima settimana al tempo della fine. Se sei d'accordo vorrei capire come fanno gli studiosi a spostarla.

30. Che cosa vuol dire Paolo quando dice: "Non tutti morremo, ma tutti saremo mutati" (1 Cor. 15:52)?

31. In che cosa consiste l’apostasia che deve precedere la venuta del Signore secondo che è scritto ai Tessalonicesi: "Quel giorno non verrà se prima non sia venuta l’apostasia" (2 Tess. 2:3)?

32. Questi cieli e questa terra saranno rinnovati o saranno annichiliti e al loro posto Dio ne creerà altri?

33. Diventeremo angeli quando andremo in cielo?

34. Che tipo di resurrezione sperimentarono quei santi che risuscitarono quando Gesù spirò sulla croce (cfr. Mat. 27:51-53)? Si può dire che essi risuscitarono in resurrezione di vita?

35. Che cosa significa che il giorno del Signore verrà come viene un ladro nella notte (cfr. 1 Tess. 5:2)?

36. E’ giusto dire che il ritorno del Signore è imminente?

37. Pace! Ti pongo un quesito con la speranza di ricevere una tua risposta al più presto. Corrispondo da qualche anno con una ragazza e ultimamente siamo arrivate a parlare della morte. Un paio di mesi fa questa mia amica ha perso sua nonna alla quale era molto legata e lei mi ha scritto nell’ultima lettera che "le persone a noi care scomparse sono lassù in cielo, con nostro Signore e ci aiutano; quando ci troviamo in difficoltà tendono la mano e ci accompagnano nel nostro cammino", poi in un altro passo della lettera dice: "Sono in sintonia con te quando dici che un giorno ritroveremo le persone che sono mancate, perché so che esiste una vita oltre la morte, però penso che esse siano già davanti a nostro Signore, e non siano diciamo solo ‘addormentati’, ma vegliano su di noi!". In una precedente lettera le ho citato alcuni versi biblici (Ecclesiaste 9:5 e Salmo 146:3-4), ma ora vorrei avere un ulteriore aiuto da te in modo da poterla aiutare a sradicare tutte le sciocchezze che le hanno inculcato. Lei crede che quello che le ho scritto è semplicemente una mia opinione, ed io cercherò di farle capire (con l’aiuto di Dio) che quello che le dico lo traggo direttamente dalla Parola di Dio e che quindi non è nulla di personale.

38. Molti insegnano che la venuta di Gesù Cristo sarà suddivisa in due fasi, la prima per i credenti (rapimento) e la seconda con i credenti alla fine dei sette anni della grande tribolazione: condividi questo insegnamento?

39. Ciao Giacinto. Vengo subito al dunque. In Matteo 10:28 "E non abbiate paura di quelli che uccidono il corpo, ma non hanno potere di uccidere l'anima; temete piuttosto colui che ha il potere di far perire e l'anima e il corpo nella Geenna." Questo secondo la traduzione nuova riveduta della Bibbia Cei. A mio parere qui Gesù si riferiva al fatto che l'uomo ha timore di chi uccide non di chi tormenta. Altrimenti avrebbe detto non temete quelli che possono torturare solo il corpo... Quindi di temere chi in realtà può uccidere sia l'anima che il corpo, che è nei pieni poteri del Creatore. In ogni caso Dio può uccidere anche l'anima visto che l'ha creata. E' il Creatore che stabilisce le regole. Non è vero che l'anima è immortale. Dio la può distruggere, quindi di per sè non è affatto invulnerabile alla morte. Spero di avere il tuo parere alle mie considerazioni.

 

GEDEONI

1. Nella Chiesa che io sto frequentando da circa quattro anni si è formato un gruppo del movimento internazionale Gedeoni; …. voi li conoscete? …. mi date informazioni approfondite?

 

EXTRATERRESTRI

1. Ci sono altri esseri umani come noi o simili a noi su altri pianeti?

 

GESU’ CRISTO

1. Cosa significa che Gesù è il Messia?

2. Cosa significa che Gesù è l'Alfa e l'Omega?

3. Gesù viene adorato dagli angeli?

4. I magi d'Oriente trovarono il bambino Gesù in una mangiatoia?

5. E' vero che quando Gesù era bambino faceva miracoli?

6. Quando Gesù disse: "Chi ha veduto me, ha veduto il Padre", volle dire che Egli era anche Dio Padre?

7. Gesù portava i capelli lunghi?

8. Se Gesù era Dio come mai rispose al giovane ricco: "Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, tranne uno solo, cioè Iddio"?

9. Ma Gesù Cristo è veramente Dio?

10. Gesù risuscitò fisicamente o spiritualmente?

11. Gesù Cristo è morto solo per alcuni o per tutti?

12. Ma Gesù non è morto perché ucciso dagli Ebrei per mano dei romani? Come mai dunque è detto che egli è morto per i nostri peccati? Come può essere considerata la sua morte una morte avvenuta per amore nostro?

13. Non credete che la storia della nascita verginale di Gesù Cristo sia un mito inventato da alcuni suoi discepoli per onorare il loro maestro, un mito che per altro è tipico del mondo ellenistico antico?

14. Ma è vero che Gesù Cristo andò in India ad imparare la filosofia indiana?

15. Ho sentito dire spesso che Gesù ha detto che noi dobbiamo essere astuti come i serpenti; ma dove si trova scritta questa sua affermazione nel Vangelo?

16. Ma Gesù non poteva apparire prima a Saulo, risparmiando così a tanti suoi discepoli tanti dolori e persecuzioni?

17. Perché Gesù dopo che faceva un miracolo o una guarigione proibiva di farlo conoscere (cfr. Matt. 9:30; 12:16; Mar. 1:44; 5:43; 7:36)?

18. Ma è vero che Gesù non aveva bisogno di essere unto da Dio?

19. Quanti furono i magi che guidati dalla stella vennero dall’Oriente a Betleem ad adorare il fanciullino Gesù?

20. Cosa ha voluto dire Gesù quando ha detto: "Se uno viene a me e non odia suo padre, e sua madre, e la moglie, e i fratelli, e le sorelle, e finanche la sua propria vita, non può esser mio discepolo" (Luca 14:26)?

21. Stavo leggendo 1 Pietro 3 e quando sono arrivata al verso 19 sono rimasta un pò perplessa perché non mi è molto chiaro; inoltre il concetto è ribadito anche in 1 Pietro 4:6. I Pietro 3:19,20: "E in esso andò anche a predicare agli spiriti ritenuti in carcere, i quali un tempo furon ribelli, quando la pazienza di Dio aspettava, ai giorni di Noè, mentre si preparava l'arca; nella quale poche anime, cioè otto, furon salvate tra mezzo all'acqua."I Pietro 4:6: "Poiché per questo è stato annunziato l'Evangelo anche ai morti; onde fossero bensì giudicati secondo gli uomini quanto alla carne, ma vivessero secondo Dio quanto allo spirito."

22. Perché Gesù Cristo non si sposò e non ebbe figli?

23. Gesù Cristo era un vegetariano?

24. Desidero farle per adesso una unica domanda nella speranza che lei possa darmi il suo parere alla luce delle "SACRE SCRITTURE". Gesù Cristo aveva una natura umana e una natura divina ("FIGLIO DELL’UOMO e FIGLIO DI DIO"). Come "Figlio di Dio", la sua natura era pura e quindi senza peccato. Come "Figlio dell’uomo" egli aveva una natura umana, e quindi manifestava quei sentimenti e debolezze come ognuno di noi (pianto, sofferenza, fame, sonno etc…). Tuttavia, egli è nato concepito dallo "Spirito Santo" senza un rapporto naturale (atto sessuale) per cui "Maria" non ha avuto relazione con altro uomo (Giuseppe) perché se lo avesse avuto tale bambino sarebbe nato con il seme "Adamico" per cui la sua natura sarebbe stata corrotta. Le chiedo: In base a queste mie considerazioni, è giusto affermare che "Gesù Cristo" non aveva una natura umana corrotta, considerando che la "Scrittura" ci insegna che Egli è senza peccato? Come "Figlio dell’uomo" (natura umana) in che modo Gesù poteva essere tentato, visto che non manifestava quei desideri della natura carnale? (Galati 5:19 e 20) NB. Egli era perfetto nella sua natura umana e quindi come poteva essere tentato da "Satana", non avendo questa natura corrotta come ogni uomo sulla terra? Inoltre Gesù dovendo assolvere al piano della "Salvezza" non poteva cadere nella tentazione come Figlio di Dio "incarnato" se no il suo sacrificio sarebbe stato inutile e imperfetto. Caro fratello Giacinto, quanto ho voluto qui esporre non è perché io ho dei dubbi in merito, ma mi domando quale differenza c’è tra la tentazione di un essere umano (NATURA CORROTTA) e il Figlio di Dio Gesù Cristo (NATURA PERFETTA). Spero che non ci siano fraintesi per quanto ho voluto spiegare in questo scritto, anche se comprendo che la Parola di Dio non può rispondere a tutti gli interrogativi che l’uomo si pone, visto che solo quando saremo con il Signore riceveremo tutte le risposte.

25. Che cosa significa che Gesù Cristo è la pietra angolare?

26. Che cosa significa che Gesù Cristo ha compiuto l’espiazione dei nostri peccati?

27. Che cosa significa che il Figlio di Dio, "essendo stato reso perfetto, divenne per tutti quelli che gli ubbidiscono, autore d’una salvezza eterna …" (Ebrei 5:9-10)?

28. Mi è venuto un dubbio sulla morte di Gesù perché in un film che ho visto pare che lui sia stato ucciso e non che abbia voluto morire Lui, mi potresti spiegare cosa dice la Bibbia a riguardo?

29. Perché Gesù Cristo sulla croce gridò: "Elì, elì, lamà sabactanì? cioè: Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?" (Matt. 27:46)?

30. Caro fratello, ringrazio il Signore perché navigando su Internet ho trovato il tuo sito, spero anzi che sia ancora attivo. Il mio problema è questo: mio marito sta leggendo un libro a dir poco blasfemo, premetto che non crede nella Bibbia come Verità unica e assoluta, e così in questo libro che si intitola "Il codice Da Vinci" l'autore afferma che Gesù era chiaramente sposato e con un figlio, purtroppo la mia risposta non lo ha soddisfatto primo perché dice che sono una bigotta e che dovrei essere più aperta anche ad altre verità, secondo perché proprio i Cristiani sono perseguitati prima in casa propria e non presi in considerazione, così ti chiedo per favore di darmi una risposta autorevole da leggergli, poi se vorrà o non vorrà crederci...

31. Volevo delle vostre considerazioni su un verso della Scrittura che non mi è molto chiaro: Ebrei 2:7 "Tu lo hai fatto di poco inferiore agli angeli; lo hai coronato di gloria e d'onore". Non riesco a capire cosa vuol dire "poco inferiore agli angeli". Volevo dei chiarimenti da voi perché ritengo che siete davvero degli strumenti nelle mani di Dio.

32. Ogni sabato ci riuniamo alcuni fratelli e parliamo di argomenti della Sacra Scrittura l'argomento di questa sera è l'INCARNAZIONE. Ora ti volevo chiedere: ‘C'è differenza fra la parola INCARNAZIONE e LA PAROLA FATTA CARNE?’

33. Leggo la Bibbia da circa un anno con un gruppo di amici cristiani. Nel periodo pasquale uno di essi pose la seguente domanda: ‘Per quanto Gesù è stato nel sepolcro?’ L'obiettivo della domanda era quello di cercare di comprendere se vi era stato per tre giorni e tre notti, come Giona stette nel ventre del pesce. Ho riscontrato che non è facile dare una risposta a tale quesito. Dai Vangeli non sembra che sia possibile tracciare una chiara sequenza cronologica dei fatti. Sarebbe possibile avere una risposta risolutiva in merito? Anticipo i miei ringraziamenti e porgo i miei più cordiali saluti.

34. Che vogliono dire le parole del salmo secondo: ‘Tu sei il mio Figliuolo, oggi ti ho generato’? Forse che il Figliuolo di Dio non è sempre esistito?

35. Perché Gesù Cristo è chiamato l’Agnello di Dio o l’Agnello?

36. Se Gesù era Divinità come poté essere oppresso da tristezza mortale (cfr. Matt. 26:38)?

37. Quando Gesù ha detto che sulla terra non dobbiamo chiamare alcuno nostro Padre (cfr. Matt. 23:9) volle dire che non dobbiamo chiamare così neppure il nostro padre terreno?

38. Che cosa significa che Gesù Cristo è il primogenito dai morti (cfr. Col. 1:18)?

39. Ci sono alcuni fratelli che in preghiera ringraziano Dio per avere ucciso il suo Figliuolo per amore nostro; cosa pensi di questa espressione?

40. In che cosa consiste il segno del profeta Giona di cui parlò Gesù ai Farisei e ai Sadducei quando gli disse: "Questa generazione malvagia e adultera chiede un segno, e segno non le sarà dato se non quello di Giona" (Matt. 16:4)?

41. Potresti spiegarmi il significato di queste parole di Gesù Cristo: "Or niuno mette un pezzo di stoffa nuova sopra un vestito vecchio; perché quella toppa porta via qualcosa dal vestito, e lo strappo si fa peggiore. Neppur si mette del vino nuovo in otri vecchi; altrimenti gli otri si rompono, il vino si spande e gli otri si perdono; ma si mette il vin nuovo in otri nuovi, e l’uno e gli altri si conservano" (Matt. 9:16-17)?

42. Mi potresti spiegare le seguenti parole di Gesù Cristo: "Per questo, ogni scriba ammaestrato pel regno de’ cieli è simile ad un padron di casa il quale trae fuori dal suo tesoro cose nuove e cose vecchie" (Mat. 13:52)?

43. Ma Gesù come visse? Di offerte?

44. Sotto che forma esisteva il Figliuol di Dio prima di venire in questo mondo?

45. Come mai Maria Maddalena presso al sepolcro prima e i due discepoli sulla via di Emmaus dopo, ed anche alcuni suoi discepoli presso il Mare di Tiberiade, non riconobbero subito Gesù quando questi apparve loro?

46. Come mai Gesù ha parlato di giusti che non devono ravvedersi quando disse: "Io vi dico che così vi sarà in cielo più allegrezza per un solo peccatore che si ravvede, che per novantanove giusti i quali non han bisogno di ravvedimento" (Luca 15:7)?

47. Gesù disse che Mosè ha scritto di lui (cfr. Giov. 5:46), ma dove nella legge Mosè ha scritto di Gesù Cristo?

48. Che cosa ha voluto dire Gesù con queste parole: "In verità io vi dico che alcuni di coloro che son qui presenti non gusteranno la morte, finché non abbian visto il Figliuol dell’uomo venire nel suo regno" (Matt. 16:28)? Sono alquanto perplesso perché da queste parole sembra che il ritorno di Gesù sia già avvenuto.

49. E’ giusto chiamare Gesù ‘l’amico dei peccatori’?

50. Perché Giovanni il Battista mentre era in prigione mandò a dire a Gesù se egli era colui che doveva venire o loro ne dovevano aspettare un altro (cfr. Matt. 11:3)?

51. Perché Gesù Cristo è venuto solo duemila anni fa circa? Non poteva venire prima in questo mondo?

52. In che cosa consisteva il lievito dei Farisei e dei Sadducei da cui Gesù disse ai suoi discepoli di guardarsi?

53. Che significato hanno queste parole di Gesù: "Dove sarà il corpo, ivi anche le aquile si raduneranno" (Luca 17:37)?

54. Perché Gesù Cristo è chiamato ‘Figliuol di Davide’?

55. Perché Gesù Cristo si è definito ‘il Figliuol dell’Uomo’?

56. Ma perché i Giudei odiarono, perseguitarono e condannarono a morte Gesù Cristo? Che male aveva fatto?

57. Che cosa fa adesso Gesù in cielo?

58. Quand’è che Gesù di Nazareth fu unto di Spirito Santo?

59. Perché Gesù parlava alle persone in parabole?

60. E’ possibile che tra le cose che Gesù disse in privato ai suoi discepoli (cfr. Marco 4:34) ci fossero dottrine segrete che i discepoli dovevano trasmettere solo ad una particolare frangia di credenti?

61. Perché Gesù Cristo quando mandò i dodici a predicare ordinò loro di non andare fra i Gentili e neppure nelle città dei Samaritani?

62. Perché Gesù Cristo è chiamato ‘Nazareno’ o ‘il Nazareno’? Perché aveva fatto voto di Nazireato?

63. Vorrei che mi spiegassi le seguenti parole di Gesù: "Ora, affinché sappiate che il Figliuol dell’uomo ha sulla terra autorità di rimettere i peccati: Io tel dico (disse al paralitico), levati, togli il tuo lettuccio, e vattene a casa tua" (Luca 5:24)

64. Gesù ha mai battezzato? In Giovanni 3:22 afferma di sì, in Giovanni 4 1;2 dice che non battezzava Gesù (io credo che si riferisca che in quell'occasione non battezzasse) comunque tu cosa credi?

65. Mi puoi spiegare il testo di 1 Corinzi 15:28 dove dice che Cristo sarà sottoposto al Padre e 1 Corinzi 11:3 dove dice che il capo di Cristo è Dio?

 

GIORNI

1. Un Cristiano deve osservare il sabato?

2. Un Cristiano deve osservare la domenica?

3. Noi Cristiani dobbiamo festeggiare la Pasqua?

4. Gli Evangelici osservano il Natale? Perché?

5. Quali sono le origini della festa dell’Epifania?

6. Fratello Giacinto, pace. Ascolta, ho una domanda da farti sul riposo biblico. Se noi non essendo sotto la legge non siamo tenuti a osservare il giorno del riposo, come bisogna comportarsi riguardo a promesse come quella in Isaia 58:13 ("...se tu trattieni il piede dal violare il sabato, facendo i tuoi affari nel mio santo giorno...")? Come vanno inquadrate queste promesse e prescrizioni rispetto al riposo di cui si parla in Ebrei 4?

7. Cosa in effetti, in maniera documentabile, esprime la festa di Halloween?

8. Scrivo per avere un’opinione sul tema "compleanno". Leggendo un opuscolo ("La conoscenza che conduce alla vita eterna"), lasciatomi da alcune Testimoni di Geova ho appreso che gli unici due compleanni menzionati e celebrati nella Bibbia sono 2 (Genesi 40:20-22 e Matteo 14:6-11). Sempre nello stesso opuscolo è successivamente posta la seguente domanda che mi ha fatto molto riflettere: "Dato che le Scritture non rivelano la data di nascita dell’uomo perfetto Gesù Cristo, perché dovremmo prestare particolarmente attenzione al giorno della nascita di esseri umani imperfetti?". Quindi quello che io chiedo è: è lecito per un Cristiano celebrare il giorno della propria nascita? Grazie in anticipo

 

GUARIGIONE

1. Possiamo noi Cristiani, quando siamo malati, pregare Dio di guarirci?

2. La guarigione divina è assicurata in ogni caso da Dio?

3. Come si devono interpretare le seguenti parole: "Il trentanovesimo anno del suo regno, Asa ebbe una malattia ai piedi; la sua malattia fu gravissima; e, nondimeno, nella sua malattia non ricorse all’Eterno, ma ai medici" (2 Cron. 16:12)?

4. Possiamo noi Cristiani ricorrere all’omeopatia?

5. La malattia viene sempre ed esclusivamente dal diavolo come dicono alcuni pastori?

 

MATRIMONIO

1. L'adulterio della moglie permette al marito di passare a nuove nozze?

2. Perché non mi posso sposare una ragazza del mondo?

3. Cosa devo fare per sapere qual è la donna che Dio ha destinato ad essere mia moglie?

4. Se un uomo si converte al Signore mentre è divorziato, può in seguito sposarsi?

5. Quando Gesù disse: "Ed io vi dico che chiunque manda via sua moglie, quando non sia per cagion di fornicazione, e ne sposa un’altra, commette adulterio" (Matteo 19:9), volle dire che per questa ragione un uomo si può risposare senza commettere adulterio?

6.. Dio vuole che tutti gli uomini si sposino o in alcuni casi permette il celibato?

7. Nel matrimonio ci deve essere continenza sessuale?

8. Il passo ‘l’uomo si unirà con la sua moglie, e i due saranno una sola carne’ (Matt. 19:5; Gen. 2:24) è da intendersi in chiave letterale (nel senso di una relazione carnale) o in maniera allegorica (nel senso che l’uomo deve realizzare con la moglie una tale consonanza di intenti, e di comportamenti, tali che non risultino più due ma un’unica persona che in Cristo si realizza?

9. Una vedova può maritarsi, o questo le è espressamente vietato dalla Scrittura?

10. Ma non è forse scritto di schivare quelle vedove che vogliono maritarsi? Dunque la Scrittura manifesta l’espressa volontà di Dio di accettare nella sua Chiesa solo le vedove in grado di non rompere il primo legame, e condanna chi ha rotto quel legame indissolubile che neanche la morte di uno dei coniugi può rompere.

11. La Bibbia vieta i matrimoni interrazziali?

12. Pace fratello …. vorrei chiederti un chiarimento riguardo un versetto biblico. Nella prima lettera ai Corinzi, Paolo sostiene che il padre che non dà la propria figlia a marito fa una cosa buona (7.38). So che nell'antichità il padre poteva liberamente disporre della sorte della figlia, gode ancora di questo potere? Sposandosi senza il consenso del padre si disubbidisce al comandamento "Onora tuo padre e tua madre"? Paolo, nella lettera ai Colossesi, afferma anche: "Figliuoli ubbidite ai vostri genitori in ogni cosa, poichè questo é accettevole al Signore " (3.20). Ti faccio questa domanda perché io sono fidanzata da 4 anni (da 2 all'insaputa dei miei genitori) e da circa quattro mesi frequentiamo insieme la Chiesa Evangelica Pentecostale. I nostri genitori si definiscono cattolici (anche se non frequentano regolarmente) e, soprattutto i miei, che sono molto legati all'apparenza, al parere della gente... , non accetteranno facilmente questa scelta. Ti parlavo del parere della gente perché vivo in un paese dove si riserva un culto particolare a Maria.

13. Gentile fratello Butindaro, pace! Avrei da proporle due quesiti dei quali uno è però di estrema urgenza. Vi chiedo di rispondermi ad entrambi con calma, ovviamente. Il primo quesito riguarda una sorella che conosco, battezzata anche nello Spirito Santo, la quale è innamorata di un fratello che però è separato dalla moglie non convertita. Questo fratello, pure lui battezzato ora nello Spirito Santo, si è sposato ancor prima di conoscere il Signore. In seguito alla sua conversione, la moglie non condividendo la sua scelta, ha deciso di lasciarlo anche per il fatto che aveva già un amante segreto. questo giovane ha compreso l'errore che ha commesso nello sposarsi questa donna ed ha chiesto ovviamente perdono al Signore. Ora lui ha 30 anni e, chiaramente, visto che la moglie è decisa nel chiedere legalmente il divorzio che avrà luogo tra un anno, intende risposarsi, sebbene lui abbia insistito e pregato per impedire questo scatafascio familiare, premettendo pure che i due ex-coniugi non hanno figli. La cosa strana, però, è che sia questa sorella che questo giovane fratello sentono interiormente una pace (come se fossero approvati dal Signore) per capirci! E la sorella stessa pur sapendo che una cosa del genere può essere sbagliata dice che al solo pensiero di perderlo per sempre si sente smarrita. Io le ho detto di attendere fiduciosa nella preghiera, ma lei afferma che nello stato spirituale in cui si trova a causa di questa situazione, difficilmente sarà in grado di "sentire" la risposta del Signore. Si sa che se questo fratello si sposerà, agirà in modo antibiblico innanzitutto, e poi sarà costretto a rinunciare a tutti i diritti riservatigli nella Chiesa. Ora io le chiedo che cosa ne pensa lei tenendo conto di tutta la situazione creatasi e di rispondere con opportuni riferimenti biblici nel modo più chiaro ed esauriente possibile. E’ di estrema urgenza!!!

14.. Se si ha un rapporto sessuale prima del matrimonio, si è sposati davanti a Dio o il matrimonio vero è quello celebrato in Chiesa?

15. Come ci si deve comportare nel caso di un credente (che prima era mussulmano) che viene salvato dopo che si era regolarmente sposato con più mogli? Occorre ordinargli di tenersi solo una moglie e mandare via le altre?

16. Pace, fratelli, …. ho una domanda sul fatto di risposarsi dopo il divorzio. Non si tratta di me, ma di mia madre, dato che i miei hanno divorziato quando avevo circa 16 anni. Mio padre conobbe un’altra donna e lasciò mia madre e poco dopo il divorzio lui si risposò. In quel periodo nessuno della mia famiglia era credente. Io mi sono convertita 7 anni fa, e mia madre poco dopo. Mia madre è sempre rimasta sola dopo il divorzio. (Mio padre non è ancora credente). Io ho letto in uno dei vostri articoli (gli avventisti del 7 giorno) che voi siete assolutamente contro il fatto di risposarsi. Io capisco bene quello che Paolo ha scritto su questo fatto. Però il suo messaggio era rivolto agli Ebrei-Cristiani, dunque a quelli che erano già credenti. Quando successe il divorzio nessuno nella mia famiglia era convertito. Io non credo che mia madre commetterebbe un peccato, se, diciamo, lei incontrasse un uomo Cristiano e si risposasse. Non credo che Dio vuole che rimanga da sola per tutta la vita. Dato che mio padre l’ha lasciata e lui adesso è felice con la sua seconda moglie; mia madre, che ha 54 anni ed è ancora una bellissima donna, se dovesse rimanere da sola per il resto della sua vita, non sarebbe tanto giusto da parte di Dio, o no? Se volete rispondermi su questo fatto, sarei tanto contenta! …. grazie!

17. Caro fratello, ….. è da poco che uso internet - ho trovato il tuo sito e se permetti ne voglio approfittare per farti una domanda, per conoscere il tuo parere su 1Cor.7:14: Cosa significa che "il non credente è santificato"? Come può essere santificato se non è credente? Se muore in questo stato, viene salvato?

18. Vorrei sapere se il vincolo matrimoniale è valido anche nel caso che la moglie si 'rifiuti di dare ciò che deve al marito’ anzi lo manda via mediante il divorzio. Lui rimarrà unito per sempre alla donna? E com'è che i Cattolici annullano il matrimonio quando non è stato consumato?

19. Gesù stesso dice che un uomo può mandare via la moglie se quest'ultima commette adulterio. Mettiamo caso che sia il marito a commettere adulterio, una donna come dovrebbe comportarsi? Dovrebbe fare finta di nulla? Io non sono nè sposata nè fidanzata, la mia è solo semplice curiosità. La ringrazio in anticipo…..

20. Ho 28 anni e sono cattolica, circa 10 anni fa mi sono sposata con un uomo, ma per ragioni che non vorrei commentare ci siamo separati dopo 4 anni di matrimonio infelice e adesso ho ottenuto il divorzio. Nel frattempo ho conosciuto un altro e adesso conviviamo e siamo entrambi molto felici e stiamo pensando seriamente di sposarci, visto che è anche lui Cattolico e non è mai stato sposato. Quindi la mia domanda è: Posso risposarmi in Chiesa e avere finalmente un’unione benedetta dal Signore, visto che il primo matrimonio non ha avuto la benedizione dal momento che ci eravamo sposati solo in comune? Ringrazio anticipatamente.

21. Pace. Vorrei chiedere se il rapporto di coppia, anche se uno dei due non è Cristiano può nuocere? Dio cosa pensa? che indicazioni ci da?

22. Ho un quesito biblico da porti: ho letto sul mensile di Uomini Nuovi la storia in un paese arabo, di una ragazza 13enne di famiglia cristiana che è stata rapita, costretta con la violenza a contrarre matrimonio con un uomo musulmano molto più grande di lei, dopo minacce e percosse. Ora, pensi che questo matrimonio possa essere unito da Dio? Lei avrebbe il diritto di separarsi o chiedere l'annullamento da questa unione forzata? potrebbe risposarsi con un credente? so cosa dice la Bibbia ma ti chiedo se questo genere di situazione rende una unione così impostata veramente "matrimonio". La storia in questione ha colpito la mia attenzione. So di molte coppie di credenti che si sfasciano, e questo è molto triste.

23. Ma io come mi devo comportare con un marito che mi attacca continuamente per la mia fede? Devo sempre stare zitta, non parlargli mai di Gesù? Cosa vuol dire essere sottomesse al marito? Devo essere sottomessa ad un marito che mi deride continuamente per la mia fede, che talvolta bestemmia e offende il mio Signore? Cosa devo fare? Tu non hai idea di quanto sia dura, soprattutto con un bambino da educare, e lui che mi dice che lo sto rovinando, imbottendolo di st....ate (nota mia: la parola è stata scritta così dalla sorella che mi ha mandato la lettera). Ti prego di aiutarmi e di darmi al più presto una risposta.

24. Devo sottoporti una domanda per me di grande importanza. Pur non essendo cattolica non ho esonerato mio figlio dall'ora di religione, lui frequenta la seconda elementare, perchè penso che lui possa essere un esempio e una testimonianza soprattutto per la maestra, anzi lei mi ha detto di intervenire se qualcosa da lei insegnato contrasta con ciò in cui noi crediamo. Prescindendo che quasi tutto ciò che lei insegna va in contrasto con la Parola di Dio (ma il mio bimbo è ben ammaestrato nella sua casa), ora mio figlio deve imparare l'Ave Maria per compito! Devo fargliela imparare come fosse una poesia qualunque o parlare con l'insegnante per esonerarlo da questo e da altri compiti che verranno, se saranno in contrasto con la nostra fede? Grazie di cuore.

25. Un marito ha il diritto di picchiare la propria moglie se questa lo merita?

26. Gentile Sig. Butindaro …. la questione del matrimonio. Il Nuovo Testamento non ci dà un codice legislativo sul matrimonio ma alcuni principi di base. "L'uomo non separi ciò che Dio ha unito" dice Gesù e ribadisce San Paolo. Dio permise e permette il divorzio agli Israeliti e a maggior ragione agli altri popoli non Cristiani a causa della durezza del loro cuore ma i seguaci di Cristo devono essere perfetti come il Padre loro e quindi non separarsi per tutta la vita dal loro coniuge. Ora cosa significa "ciò che Dio ha unito"? Qualsiasi matrimonio celebrato secondo le leggi vigenti sancisce una unione per conto di Dio? Per esempio, se un uomo brutto e ricco si invaghisce di una bella donna povera e questa acconsente a sposarlo attratta dai soldi, si può dire che siano stati uniti da Dio in matrimonio? In realtà sono stati uniti dal peccato, l'uomo a causa della passione e la donna a causa dell'avidità. Ella non è diversa da una meretrice che vende il suo corpo per denaro e lui non è diverso da chi si unisce ad una meretrice per soddisfare la sua lussuria. Sappiamo che non si può servire Dio ed il denaro contemporaneamente. Mi sembra palese che certi matrimoni sono tali solo formalmente in base alle leggi umane. L'unione di due persone nel vero matrimonio voluto da Dio si basa invece sull'amore perchè Dio è Amore. Infatti la Scrittura ci dice che il vero matrimonio è simbolo dell'unione tra Cristo e la Chiesa. Dio potrebbe prendere come simbolo un matrimonio come quello poc'anzi riportato nell'esempio? Certo che no. La fedeltà di Cristo alla Chiesa è motivata dall'amore e non da un patto formale. Così la vera Chiesa risponde all'amore di Cristo con l'amore e non come una meretrice. Se qualcuno fosse chiesa solo per avere delle ricompense ma non avesse l'amore sarebbe un poveraccio ed alla fine non otterrebbe niente perchè il comandamento fondamentale è l'amore per Dio e per i fratelli. Ne consegue che il vero matrimonio indissolubile è quello contratto in libertà e consapevolezza sulla base dell'amore. Ogni matrimonio fra Cristiani dovrebbe essere così, ma quelli contratti da non credenti non sempre hanno queste caratteristiche. Se era un vero matrimonio con l'eventuale conversione dei coniugi anche il loro matrimonio viene convertito nel Signore ma non sempre questo accade. Se il matrimonio non viene convertito perchè non era un vero matrimonio, esso agli occhi di Dio non è mai esistito, era solo fornicazione. Ne consegue che queste persone si possono ancora sposare. Questo è il caso di molti che divorziano prima di convertirsi al Signore. Non è corretto costringere queste persone a non sposarsi perchè in realtà non si sono mai veramente sposate. Come dice l'apostolo Paolo "è meglio sposarsi che ardere". Non dobbiamo fare come i Farisei che con il pretesto di osservare il sabato volevano vietare a Gesù di guarire i malati in quel giorno. Ragionando con le Scritture con amore si può evitare di interpretarle in modo legalistico e farisaico cogliendone lo Spirito. Non mettiamo sulle spalle dei fratelli pesi inutili. Cosa ne pensa?

27. Pace, fratello. Vorrei avere una chiarificazione su questa cosa: Il matrimonio, celebrato solo con il rito civile, se avviene il divorzio, uno dei due si può risposare? Sto parlando di persone non convertite. Una volta accettato il Signore, com’è la sua condizione davanti a Dio?

 

MORALE

1. Si può mentire in alcuni casi?

2. Alla luce delle Scritture il credente può essere un donatore di organi?

3. Come giudicate i 'matrimoni' tra omosessuali?

4. E' lecito impedire il concepimento per non avere figli o per non averne molti?

5. Mi potresti fare uno studio sugli scandali e sul come comportarsi con i fratelli che scandalizzano?

6. Cosa intendete per 'amore del mondo' nell'articolo 'Dema, un cattivo esempio da non seguire'?

7. Fumare è peccato?

8. Perchè mai non posso andare al mare? Che male c'è?

9. Di recente ho ricevuto un giornale elettronico di una associazione di consumatori che commenta "questo o quello" che viene alla ribalta delle cronache quotidiane avviando talvolta delle petizioni mirate per certi argomenti di pubblico interesse. Il più recente riguarda ad esempio la clonazione. Ti riporto di seguito la citazione letterale della petizione riguardo tale argomento che l'associazione in questione (ADUC ndr) ha messo in rete: PER LA CLONAZIONE UMANA TERAPEUTICA. La petizione chiede che sia consentito l'impiego degli embrioni già prodotti ai fini della ricerca per la produzione di cellule staminali, che permetterà di curare malattie come la leucemia, l'infarto, i morbi di Alzheimer e Parkinson, il diabete, la sclerosi, l'osteoporosi, l'osteoartrite e i traumi di ossa e tendini. Sicuramente stai già preparando uno studio sull'argomento, ma desidero sollecitare una tua spiegazione alla Luce della Bibbia riguardo alla tematica rincorsa dalla petizione messa in campo da questa associazione. In particolare desidererei una spiegazione su cosa realmente sia ‘ ..l'impiego degli embrioni già prodotti ai fini della ricerca per la produzione di cellule staminali..’ , che a prima vista mi fa pensare a qualcosa di orribile e mi chiedo: ‘Si può sacrificare una vita in nome della ricerca?’

10. Cosa è ‘Porgi l’altra guancia – oppure deve valere ‘Occhio per occhio, dente per dente?

11. Ho incontrato un fratello che mi ha detto che da quando ha fatto il battesimo (sono passati oramai degli anni) non ha mai peccato: che ne dici?

12. E’ lecito a due fidanzati avere relazioni carnali?

13. Ho letto la tua risposta sull’impedire il concepimento e ti volevo far riflettere su alcuni punti: 1) una cosa è ciò che la Bibbia consiglia, un’altra ciò che impedisce. Nel caso dei figli tutti i versetti che giustamente citi parlano di benedizione per chi ascolta la Parola di Dio e la mette in pratica. 2) Non credo che vanno messi dei pesi a chi non li può portare. Sono problemi che vanno vissuti con fede, ma come si possono chiedere a coloro che non hanno abbastanza fede da ricevere dei figli come benedizioni? 3) Tranne un verso, in cui però si condanna la trasgressione di una legge ebraica sul dare eredità a un fratello morto, non ci sono versi espliciti che sia peccato impedire il concepimento, e mi sembra un argomento molto importante e delicato. 4) Il fatto che è scritto il contrario non significa che è implicito, infatti la Scrittura dice di dire la verità ma esplicitamente condanna la bugia. Spero di averti dato dei punti di riflessione.

14. Senza nessuna offesa (molte cose del sito sono davvero interessanti e complete), ma non posso certo condividere il tuo disprezzo per tutto ciò che è musica, ballo, teatro …. Come potrebbe non piacere a Dio quello che si fa per lodarLo ed esaltarlo e diffonder la Sua parola?! L’importante è non andare contro i suoi insegnamenti, e una buona musica (cristiana) un pò più vivace del solito non può certo far del male! E il teatro può servire per avvicinare chi altrimenti non ascolterebbe, lo si fa per Lui! Perché il Signore non dovrebbe apprezzare?

15. Le decisioni dell’assemblea di Gerusalemme sulla fornicazione, sulle cose soffocate, sul sangue e sulle cose sacrificate agli idoli (cfr. Atti 15:19-29) sono ancora tutte vincolanti o qualcuna è decaduta?

16. Come ci si deve comportare nel caso le autorità ci ordinano di fare qualcosa che si oppone alla volontà di Dio in Cristo Gesù verso di noi?

17. Che cosa è il peccato?

18. Può un uomo – secondo l’insegnamento biblico - portare i capelli lunghi come una donna?

19. Per quanto riguarda la musica. Ascoltare una canzone o cantare una canzone che parla di amore può essere sbagliato, premetto canzoni pulite che esaltano l'autenticità dell'amore tra due persone, magari canzoni vecchiotte di cantanti tipo Domenico Modugno, ecc?

20. … vorrei porgerle una domanda: la masturbazione è peccato? Dal momento che sono un lettore della Bibbia ho visto che gli unici peccati carnali di cui la Bibbia parla sono: la fornicazione e l'adulterio. Però leggo in I Timoteo 2:22: "Fuggi le passioni giovanili...". Io vorrei sapere per passioni giovanili che cosa si intende veramente: desideri sessuali (masturbazione, fornicazione, ecc..) o altro, dal momento che ho a che fare con psicologi e pedagoghi che affermano che la masturbazione è un momento importante per la vita di un giovane perchè viene a conoscenza ed esplora la funzione di una componente del suo corpo che è il sesso. So che ci sono diverse opinioni a riguardo, ma possibilmente vorrei sapere cosa dice la Bibbia a proposito, tenendo però conto di quanto affermano questi dottori. In attesa della sua risposta le porgo i miei più cordiali saluti.

21. Potresti eventualmente farmi sapere qualcosa di più sulla coscienza. So che lo Spirito Santo la risveglia, ma il peccato che effetto ha su di essa? I famosi "scrupoli di coscienza" hanno significato biblico?

22. Come deve comportarsi un credente, in caso di conflitto con un altro credente, sia nel caso che davanti a Dio abbia ragione, sia nel caso abbia torto, e nel caso che abbia in parte torto e in parte ragione? Cosa insegnano le Sacre Scritture, unica regola di condotta, in proposito? Da dove hanno origine i conflitti tra fratelli, cioè quali sono le cause, come si sviluppano e come si possono superare e risolvere fraternamente, pacificamente e felicemente?

23. L’omosessualità è una malattia?

24. Essere tentati significa peccare?

25. E’ giusto, alla luce della Scrittura, correggere i propri figli percotendoli?

26. Qual è il peccato imperdonabile?

27. Vorrei soltanto farvi notare che alcune risposte mi sembrano un pò (troppo) ingenue, per esempio se è lecito impedire il concepimento per avere più figli... Nella risposta citate il passo in 1 Timoteo 2:5 che francamente mi sembra troppo! Sembra quasi che senza partorire la donna non può essere salvata. Siete proprio sicuri che quel versetto vuol dire questo? Cosa pensare allora delle bambine, delle donne nubili, delle sterili o ... degli uomini che non partoriscono?

28. Che cosa significa tentare Dio? in che maniera lo si può tentare?

29. Un Cristiano deve soffrire? E’ normale che egli soffra?

30. Perché questo mondo è così pieno di malvagità? Perché gli uomini sono disonesti, omicidi, ingiusti, spietati, ipocriti, ecc. ecc.?

31. Fratello pace del Signore..... Potresti per piacere aggiornarmi sul significato del verso che Gesù ha pronunciato: "Guai a chi scandalizza uno di questi miei piccoli" se non ricordo male il verso....... ?

32. Il fatto di aver chiamato la forza pubblica per una famiglia che mi disturbava per farli riprendere può essere motivo di scandalo?

33. Secondo te un Cristiano che suona in Chiesa può suonare nel mondo?

34. Non so se sia pertinente in quest’utile e preziosa rubrica; chi le scrive è un uomo praticante solo un pò, credente anche se non perfetto conoscitore e legato moltissimo alla propria famiglia con una moglie e un bambino di otto anni. Le scrivo per conoscere il parere di un religioso nei confronti di una donna anch’egli sposata con due bambini e che per sei lunghi anni si è dichiarata apertamente e con estrema convinzione innamorata di me dopo poco tempo che ci siamo conosciuti. Detto così potrebbe sembrare anche concepibile magari nelle more di un rapporto adultero e peccaminoso, ma quello che complica il concepimento se pur spregiudicato di questa storia è che questa donna già diversi anni prima di conoscermi aveva iniziato un cammino di vita con un movimento religioso cattolico. E che durante la nostra relazione lei continuava a seguire sempre con maggior coinvolgimento e sacrificio di tutta la famiglia tanto da giungere a delle mete spirituali molto alte: dal battesimo nel loro rito alla promessa solenne di castità ecc.. ma ogni volta che il conseguente senso di colpa e di peccato l’allontanava da me succedeva che il profondo amore e il conseguente dolore per la mia lontananza la faceva inevitabilmente tornare con la più profonda convinzione di aver trovato in me la sua vita. Io le debbo confessare che forse illuso da queste forti conflittualità, vissute con dolore e angoscia da parte sua, me ne sono innamorato non senza renderlo visibile a lei che consapevolmente apprezzava e contraccambiava in maniera se pur sofferta molto convincente. Ora la storia sembra essersi conclusa (forse) definitivamente con chiara convinzione da parte sua che continua a vivere la sua spiritualità lasciando me in preda allo smarrimento e al dolore per la perdita di qualcosa che credevo vero, sincero e indistruttibile. Prima di odiarla vorrei capire se veramente questa donna ha soltanto tradito per sei lunghi anni me, il marito, e soprattutto Dio che lei dichiarava di amare immensamente. La ringrazio anticipatamente confidando nella sua comprensione.

35. Caro fratello ti volevo porre una domanda. Come deve comportarsi un giovane di 15 anni con i suoi genitori se gli impediscono di frequentare una comunità o di avere contatti con amici credenti e può leggere la sua Bibbia solo di nascosto ai genitori?

36. E' peccato per le donne usare il rasoio nelle gambe? Io ho sentito tante volte dire di sì, e la spiegazione era questa: ‘Dobbiamo lasciare come Dio ha dato, se abbiamo i peli è perchè Dio vuole che noi li abbiamo e non dobbiamo toglierli’, ma io ho sempre pensato: ‘Dio ha dato a noi anche le unghie e perché allora noi tagliamo le unghie e non le lasciamo crescere come i peli delle gambe?

37. Avrei anche io una domanda da porti: riguardo ai credenti che non devono andare al mare, non ti sembra di esagerare?

38. Riguardo al fumo, sappiamo benissimo che in Ighilterra un mucchio di credenti fumano la pipa, senza per questo scandalizzare nessuno; è una questione di cultura locale ecc. Il versetto che tu menzioni e che tutti conosciamo bene I Cor. 3:17, quanti di noi riescono a metterlo in pratica? Del resto Gesù è venuto a darci la grazia proprio perché non siamo in grado di adempiere la legge. E del resto come tu stesso affermi poco più avanti, citando un altro versetto "tutti hanno peccato…". Vedi fratello, vivendo in questo mondo non possiamo e non dobbiamo chiuderci in una campana di vetro o andarcene sui monti come gli eremiti, anzi dobbiamo vivere in esso e lottare con l’aiuto del Signore affinché tenga lontano da noi ogni forma di tentazione e cercare di essere il più possibile sotto la sua protezione. Senza poi dimenticare ciò che l’apostolo Paolo dice di sè stesso: "…con la carne servo il peccato ecc.", "chi mi trarrà da questo corpo di morte?". Grazie Gesù! tu hai fatto tutto ciò che noi non siamo in grado di fare.

39. In una domenica del mese scorso stavo facendo insieme alla figlia del pastore e altre due persone la scuola domenicale e l'argomento era il matrimonio e di conseguenza la formazione di una nuova famiglia. La figlia del pastore ha detto che non è detto che la coppia debba avere tanti figli, perchè si devono prendere in considerazione tanti fattori. Al momento non mi venivano in mente versetti che potessero in qualche modo contrastare questa sua opinione (premetto che la mia idea a riguardo è che è Dio a decidere quanti figli una coppia cristiana dovrebbe avere e non l'uomo e la donna). Da questo suo discorso ho tratto due conclusioni: 1) che anche la coppia cristiana possa far uso di metodi anticoncezionali per non avere figli; 2) come è scritto nelle lettere di Paolo in 1 Corinzi 7:5, si può scegliere l'astinenza (ma ritengo che anche questo alla fine diventi un metodo per non avere figli e non sia usato per la preghiera). Credo di aver espresso i miei dubbi a riguardo.

40. Ho scritto perché desideravo sapere cosa ne pensate alla luce delle Scritture della cremazione e soprattutto della donazione degli organi, visto che in questi giorni l'Italia è stata confrontata con quest'ultimo soggetto. Beh, per quanto riguarda l'eutanasia non c'è ombra di dubbio, viene esplicitamente condannata dalla Parola di Dio, ma per la donazione degli organi? Alla fine noi come credenti doniamo il sangue e non siamo d’accordo con i Tdg i quali per un’errata interpretazione di alcune Scritture dell'A.T., in particolar modo Levitico 17, non donano il sangue. E' uguale donare sangue e donare organi?

41. Fratello Giacinto, pace. Volevo porti una domanda che forse ti sembrerà un pò sciocca: so che essere attaccati alla musica, allo sport e ad altre cose del mondo è idolatria, ma lo è anche tenere e curare degli animali in casa (nel mio caso, uccelli)?

42. Che ne pensi della pena di morte? Sei a favore o contro?

43. E' lecito ad una donna farsi sterilizzare?

44. E’ lecito abortire?

45. E’ peccato essere ricchi?

46. E’ peccato voler diventare ricchi?

47. Può un credente recarsi in spiaggia in mezzo a donne seminude o nude e rimanere incontaminato? Cioè non essere tentato e non cadere in tentazione?

48. Fratello, sento spesso parlare di depressione spirituale. In cosa consiste?

49. E’ vero che noi Cristiani non possiamo giudicare nessuno?

50. Una donna in caso di estrema necessità può prostituirsi per potere supplire ai suoi bisogni e a quelli della propria famiglia?

51. Un Cristiano può fare debiti?

52. Cosa pensi delle case chiuse che alcuni qui in Italia vorrebbero fare riaprire per togliere le prostitute dalle strade?

53. Cosa dice la Bibbia a proposito dello straniero? Come bisogna comportarsi verso di lui?

54. Come mai in questo mondo esistono così tante false dottrine che vengono accettate da miliardi di persone?

55. E’ giusto alla luce delle Scritture il commercio di cose che concernono il regno di Dio, come Bibbie, innari, libri di insegnamenti, di testimonianze, ecc.?

56. …. Volevo chiederti un consiglio rispetto all'educazione dei figli. Credi che di questi tempi sia opportuno usare la cinghia dei pantaloni per educare i propri figli? Non credi che sia anacronistico, un modo troppo vecchio?

57. Come si possono spiegare biblicamente questi efferati omicidi compiuti dai genitori verso i loro figli talvolta anche molto piccoli, di cui si sente parlare dai mass-media e che avvengono anche qui in Italia?

58. Un Cristiano può ascoltare la musica mondana, ossia gli è lecito comprare dischi o cd o audiocassette di cantanti mondani per ascoltarne la musica, o ciò costituisce peccato?

59. Caro fratello Butindaro, vorrei saper se il piercing, secondo la Parola di Dio, è consentito.

60. Carissimi Giacinto e Renato, la pace del nostro Signore sia con voi. …… Cosa pensate di questa guerra? E’ proprio un ulteriore segnale dell’approssimarsi del ritorno di Gesù. Ho letto la vostra richiesta di preghiera per i fratelli del Pakistan che soffrono e sono coinvolti in questa terribile vicenda e credo che già prima erano fortemente perseguitati. Voi siete favorevoli o contrari all’attacco degli U.S.A., ora appoggiato anche militarmente dall’Italia?

 

OMBRE E REALTA’ (la legge e la grazia)

1. Vorrei avere maggiori informazioni su come deve essere interpretata la circoncisione e se al giorno di oggi è ritenuta indispensabile o meno

2. Come mai Paolo, che non predicava la circoncisione, circoncise Timoteo?

3. Che cosa significa "la lettera uccide, ma lo Spirito vivifica"?

4. Ma Dio, sotto l’Antico Patto, aveva preannunciato tramite qualche profeta che un giorno avrebbe fatto con Israele un Nuovo Patto?

5. Quali sono le differenze fondamentali tra l’Antico e il Nuovo patto?

6. Che significato ha il fatto che quando Gesù spirò sulla croce "la cortina del tempio si squarciò in due, da cima a fondo" (Matt. 27:51)?

 

ORNAMENTO ESTERIORE DELLA DONNA

1. Fratello, che male c’è se come donna credente continuo a portare gli orecchini, dei braccialetti e delle collane e altri pezzi di bigiotteria?

2. Fratello, perchè mai secondo te non mi posso mettere la minigonna, o la gonna con lo spacco, o delle vesti sfarzose e attillate? Non è forse vero che Dio guarda al cuore?

3. Giacinto, sono d'accordo con te che il "piercing" del corpo (qui in Nord America ormai è diffuso in ambo i sessi) è contrario alla parola di Dio. Però vorrei farti una domanda. Gli orecchini ai lobi delle orecchie delle donne, sono anch’essi, a tuo parere, contrari alla Bibbia?

4. Pace fratello. La mia domanda è un pò complicata: secondo te non si diventa religiosi nel giudicare e nel dichiarare alle sorelle di non portare pantaloni o piccoli bracciali, e truccarsi il viso in maniera modesta? Io credo che molte anime siano turbate e scandalizzate da questo fattore e che magari si siano allontanate dalla fede perchè si sono sentite giudicate. Tu cosa ne pensi a tal proposito? Io credo che chi trasforma è solo Gesù. L'uomo a volte non è tollerante verso i deboli nella fede ma certamente deve essere franco con le anime nuove nel dichiarare di non esagerare nell'ornamento (ma senza insistere o giudicare).

5. Egr. Fratello Giacinto, vorrei gentilmente sapere perchè le ragazze non possono indossare i pantaloni, specialmente quelli attillati. La ringrazio

6. Egregio Giacinto Butindaro, ….. desidererei porLe un quesito: a me piace una ragazza molto carina (una compagna di classe), che usa vestire in jeans e stivaletti col tacco alto. Secondo Lei, questa ragazza sbaglia, perchè non rispetta quanto dice Timoteo, ma, secondo Lei, che male fa se vuole attrarre fisicamente i ragazzi? Voglio dire, non ci dovrebbe essere alcun male nel mostrare la propria femminilità, che, del resto, è stata data anch'essa da Dio. E io, posso permettermi di guardarla oppure commetto peccato?

7. ….. quando ero piccola e fino a non molti anni fa (ora ho 24 anni), spesso facevo voti o promesse a Dio per obbligarmi a migliorare (anche per cose ridicole: ex.: promesse a Dio di non mangiare tanto per riuscire a dimagrire), ora non ricordo neanche più il contenuto di queste promesse, ma il pastore mi ha detto che può eventualmente sciogliermi da tutti questi legami che mi sono creata da sola! Probabilmente (dico ‘probabilmente’ perchè non ne sono affatto sicura) ho anche fatto voto o promessa a Dio di smettere piano piano di truccarmi (so che per lei truccarsi è peccato, ma per il pastore no!). Io voglio sapere se lei pensa che il pastore possa sciogliere anche questo voto o promessa! Il pastore naturalmente mi ha detto di sì.

 

PENTECOSTALI

1. Perché veniamo chiamati ‘Pentecostali’?

2. E' possibile sapere un pò di storia dei Pentecostali?

3. E' vero che ci sono dei Pentecostali che maneggiano i serpenti?

4. In seno a molte Chiese pentecostali sento parlare molto poco - se non per niente - delle tribolazioni e delle persecuzioni che noi Cristiani siamo chiamati a patire per amore del nome di Gesù Cristo; come mai?

5. I Pentecostali sono coinvolti nel dialogo ecumenico con i Cattolici Romani?

6. Ho notato che tra i Pentecostali, in linea generale, non si sente mai o quasi mai parlare della predestinazione, e quando se ne sente parlare se ne sente parlare in maniera distorta; come mai?

7. Ho notato che nelle Chiese Pentecostali, nella maggior parte dei casi, quando si sente parlare di santificazione non viene mai detto che i credenti non devono fare certe cose (come per esempio andare al mare, mettersi gioielli addosso, vesti sfarzose e provocanti) per santificarsi; come mai?

8. Ho notato che molti Pentecostali fanno uso di mimi e scene teatrali per evangelizzare; che ne dite?

9. Ho notato che alcuni Pentecostali collaborano con i 'Gesù solo'; che ne dite?

10. Come mai ci sono dei Pentecostali che guardano male i fratelli che hanno la barba?

11. Condivide e cosa ne pensa del "fenomeno" della Caduta, che si verifica in qualche Chiesa Evangelica Pentecostale? Questo avviene principalmente durante la preghiera con imposizione delle mani da parte degli Anziani o dei Pastori. Dicono che la potenza di Dio e dello Spirito Santo si possa manifestare anche in questo modo. Cosa ne dice?

12. Come mai voi Pentecostali salutate con ‘pace’ e vi salutate baciandovi?

13. ….. Da poco mi sono avvicinata ad una Chiesa Evangelica, ma ho notato che ci sono grandi divergenze di pensiero tra lei ed il pastore della Chiesa Evangelica a cui mi sono avvicinata (si tratta di Pentecostali!). Come mai se tutti vi ritenete guidati dallo Spirito Santo, la pensate in modo diverso su cose (come la predestinazione) comunque di una certa importanza?

14. Gentile sig. Butindaro, .... avrei una domanda da farle. Spero che mi darà una risposta esauriente. Ho assistito più volte a dei culti in una Chiesa Evangelica Pentecostale libera ed ho notato una cosa che non ho ben capito: molti (per non dire tutti) ad un certo punto cominciano a parlare in lingue, ma mai nessuno ha interpretato quello che si è detto. La mia domanda è questa: non è sbagliato questo atteggiamento in relazione a ciò che dice la Bibbia in 1 Corinzi 14, 27-28: "... Quando si parla con il dono delle lingue, siano in due o al massimo in tre a parlare, e per ordine; uno poi faccia da interprete. Se non vi è chi interpreta, ciascuno di essi taccia nell'assemblea e parli solo a se stesso e a Dio. "? Da considerare inoltre che le persone che ho visto parlare in lingue non sono 2 o 3, ma tutta l'assemblea intera, ovvero 100-150 persone contemporaneamente. Che risposta mi può dare?

15. Trovi normale il fatto che il più delle volte in questi raduni [tenuti dai Pentecostali] v'è sempre gente che cade in terra in preda a chissà che cosa, con contorsioni da "indemoniati"? Certo che in tali raduni se vi sono dei non credenti li prendono davvero per tali. Sinceramente non mi sembra di vedere nella Bibbia tali confusioni! forse mi sbaglio?

 

PERSONAGGI BIBLICI

1. Vorrei avere alcune informazioni e riferimenti su Esaù

2. Vorrei sapere se l'apostolo Paolo era sposato, visto che faceva parte del Sinedrio.

3. Quanti anni aveva Paolo quando Gesù gli apparve?

4. Che cosa chiese Simone agli apostoli Pietro e Giovanni quando offerse loro del denaro? Lo Spirito Santo?

5. Chi sono i Gentili?

6. A cosa è dovuto il colore diverso della pelle? Si tratta forse di una maledizione?

7. Nel libro della Genesi al capitolo 27 è narrata la storia in (parte) di Esaù e Giacobbe. Perché Rebecca, che era la madre di entrambi, aveva (secondo la mia ignoranza) questi riguardi personali verso Giacobbe? Perché fu lei a istigare Giacobbe ad imbrogliare Isacco suo marito che pure amava e rispettava tanto? E’ vero che Esaù aveva venduto la sua primogenitura, ma è anche vero che era un gran lavoratore? Al contrario di Giacobbe che non faceva altro che farsi coccolare dalla madre tutto il giorno.

8. Ma Giuda aveva creduto prima di tradire il Signore?

9. Fratello Giacinto, pace. Tempo fa trovai su internet un documento interessante ma della cui autenticità non sono certo: http://evangelici.net/cento/pilato.html. Stando a quanto scrive il traduttore, è una lettera scritta da Ponzio Pilato a Cesare, tradotta dalla versione in greco che si trova negli archivi del Vaticano. Fammi sapere cosa ne pensi. Pace.

10. Come mai il fratello di Abele si è allontanato da quella terra e poi ha sposato una donna? Ma che donna se non c'era praticamente nessuno sulla terra?

11. Vorrei sapere se secondo te Giovanni Battista era Elia?

12. Alcuni pastori insegnano che Paolo prese il posto di Giuda Iscariota e divenne uno dei dodici apostoli, è vero?

13. Tutte le volte che sento una predica su Giacobbe viene detto che lui è un ingannatore o imbroglione. Io ora non ne sono convinto. Qual’è la vostra posizione? Vi sarei grato se mi deste con la Parola di Dio delucidazione su ciò.

 

PREDICAZIONE

1. Come mai oggi non si sente quasi mai nessuno denunciare la mondanità così diffusa in seno alle Chiese?

2. Come mai nelle predicazioni si sente parlare così poco dell'inferno?

3. Ti vorrei chiedere se è possibile, come impostare una discussione con i Testimoni di Geova, visto che devo tenere un incontro con dei fuoriusciti dai Testimoni

4. Perché gli Evangelici non vanno di porta in porta a evangelizzare come fanno i Testimoni di Geova?

 

PREGHIERA

1. Quando preghiamo ci dobbiamo rivolgere a Dio Padre o possiamo rivolgerci anche al Signore Gesù Cristo?

2. Pregare Dio più di una volta riguardo a qualche cosa è una mancanza di fede?

3. Perché alcune volte Dio non risponde alle nostre preghiere?

4. Leggendo e meditando il breve Salmo 70 ho potuto notare che il salmista dice al Signore per ben tre volte la parola "affrettati" e per una volta la parola "non tardare". Mi domando: ma come il Salmista non conosceva quella Scrittura che dice che "Dio ha fatto ogni cosa bella al suo tempo"? E se sì perchè allora dice al Signore di "affrettarsi" e di "non tardare"? E noi quando preghiamo e diciamo al Signore di "affrettarsi" e di "non tardare" a risponderci non è come se mettessimo in dubbio che Lui risponde "al suo tempo" ovvero al momento giusto e opportuno?

5. Ho ascoltato una volta in una predicazione che l'arma del credente è la Parola di Dio, che non è la preghiera ma naturalmente bisogna pregare, e che Gesù, quando fu tentato da Satana, non lo vinse con la preghiera ma rispondendogli con la Parola. Gradirei da voi se è possibile uno studio su questo.

6. Pace del Signore. Fratello volevo farti una domanda e spero che tu mi rispondi. Mi sono accorto già da tanto tempo che in comunità, quando manca un membro di Chiesa (uno se ne accorge perchè la comunità è piccola), quando si va in preghiera si prega per tutti, ma alcune sorelle hanno il vizio, perchè lo fanno sempre, di dire quando pregano: ‘Signore, a quelli che mancano valli a trovare e spaventali’. Ora io so, perchè l'ho letto nella Parola di Dio, che dobbiamo pregare per tutti, anche per i nostri nemici. Ho parlato con queste sorelle e mi hanno risposto che lo possono dire. Ora fratello, se è possibile vorrei sapere da te cosa devo rispondere a queste sorelle quando dicono in preghiera ‘SPAVENTALI’? Anche perchè alcune anime nuove si sono allontanate sentendo queste parole dette in preghiera. Fratello ti ringrazio anticipatamente e che la grazia del Signore sia con te e con tutti i Santi del Signore

7. Un Cristiano deve ringraziare Dio prima di mangiare?

8. Ho sentito un pastore spiegare le parole di Gesù "Ma tu, quando preghi, entra nella tua cameretta, e serratone l’uscio fa’ orazione al Padre tuo che è nel segreto" (Matt. 6:6), nel senso che noi dobbiamo chiudere la porta del nostro cuore, condividi questa spiegazione?

9. Si possono chiedere dei segni a Dio un pò come fece Gedeone? E' giusto chiedere un segno a Dio in merito a delle scelte? E' altresì giusto aspettare per 16 anni senza ottenere risposta?

 

RIVELAZIONI, VISIONI, SOGNI

1. Si può avere un sogno o una visione concernente altre persone?

2. Può succedere che il Signore in un sogno o in una visione faccia vedere dove si trovano le anime di alcuni morti?

3. Può succedere che il Signore in visione faccia vedere degli spiriti maligni?

4. Ho notato che quantunque nella Bibbia siano trascritti tanti sogni e tante visioni dati da Dio, e si dica che Dio parla per via di sogni e visioni, dai pulpiti è molto raro o rarissimo sentire parlare o non si sente mai parlare di sogni e visioni o meglio si sente molto spesso parlare dei sogni e delle visioni false; come mai?

 

SALVEZZA

1. Cosa devo fare per essere salvato?

2. La grazia si può perdere o in altre parole, coloro che hanno fatto una reale esperienza con Dio possono perdere il loro stato di grazia?

3. Alla pagina web http://www.lanuovavia.org/lachiesacattolicaromana_1.html lei scrive quanto segue: 'Ora, con la grazia di Dio, dimostrerò che non è affatto in virtù di opere che si viene liberati dai peccati, che non è in virtù di opere che si viene giustificati, che non è in virtù di opere che si ottiene la remissione dei peccati, e che non è in virtù di opere che si ottiene la vita eterna [2], ma solo ed esclusivamente mediante la fede, quindi per la grazia di Dio (gratuitamente). E che perciò ogni merito umano è escluso nella maniera più assoluta; ogni sforzo umano compiuto per guadagnarsi la salvezza è vano ed offensivo nei confronti di Cristo Gesù. La salvezza è per grazia, totalmente per grazia; l'uomo non deve guadagnarsela, ma deve solo riceverla dalla mano di Dio. Questo è il messaggio che sta alla base del Vangelo; se esso manca, manca l'Evangelo. E nella chiesa cattolica romana manca proprio questo, il Vangelo della grazia di Dio. Adesso lo dimostrerò'. Indipendentemente dalla verità di questa tesi e dalla bontà della sua dimostrazione, non pensa che ne segua che è inutile osservare i comandamenti di Dio, se poi la salvezza ci viene concessa da lui in modo arbitrario, per grazia e senza bisogno che noi ce la guadagniamo? Se le pratiche religiose non c'entrano niente con la nostra salvezza, che senso hanno?

4. Partendo dal presupposto dell'elezione del credente da parte di Dio, che mi sembra confermato dalle parole negli Atti: "Tutti quelli che erano preordinati a vita eterna credettero" e quelle di Gesù: "Non credete perchè non siete delle mie pecore", mi chiedevo: Come mai accade che alcuni Cristiani che sembrano convertiti davvero, camminano col Signore per anni, sono benedetti con i doni dello Spirito Santo, a un certo punto fanno marcia indietro? Avendo rinnegato Dio, sono perduti, nonostante l'elezione?

5. Ho visitato il tuo sito ed ho potuto scoprire che credi nella dottrina dell’elezione di Dio! Gloria al nome del Signore, ci crediamo anche noi! Mi piacerebbe sapere come sei giunto a questa conclusione. Infatti so, per esperienza, che tra i Pentecostali questa dottrina non è facilmente accettata (sono un pastore ex-Adi).

6. Mi piacerebbe sapere cosa credi intorno alla dottrina della ‘completa depravazione (o corruzione) dell’uomo e del cosiddetto libero arbitrio

7. Non potrebbe essere ‘falsa’ la fede di coloro che apostatano?

8. Dopo morti c’è la possibilità per un peccatore di essere salvato?

9. Perché la legge non può giustificare l’uomo?

10. In che cosa consiste la nuova nascita di cui parlò Gesù a Nicodemo?

11. Ma noi Cristiani possiamo dire di essere già salvati?

12. Non è forse scritto: "Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono; e io do loro la vita eterna e non periranno mai e nessuno le rapirà dalla mia mano. Il Padre mio che me le ha date è più grande di tutti; e nessuno può rapirle dalla mano del Padre." (Giovanni 10:27-29); "Chi ci separerà dall'amore di Cristo? Sarà forse la tribolazione, l'angoscia, la persecuzione, la fame, la nudità, il pericolo, la spada? Com'è scritto: "Per amor di te siamo messi a morte tutto il giorno; siamo stati considerati come pecore da macello". Ma, in tutte queste cose, noi siamo più che vincitori, in virtù di colui che ci ha amati. Infatti sono persuaso che né morte, né vita, né angeli, né principati, né cose presenti, né cose future, né potenze, né altezza, né profondità, né alcun'altra creatura potranno separarci dall'amore di Dio che è in Cristo Gesù, nostro Signore." (Romani 8:35-39); "In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha vita eterna; e non viene in giudizio, ma è passato dalla morte alla vita." (Giovanni 5:24); "Io sono il pane vivente, che è disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno; e il pane che io darò è la mia carne, [che darò] per la vita del mondo"." (Giovanni 6:51); "Chiunque vive e crede in me, non morirà mai. Credi tu questo?" (Giovanni 11:26); "Infatti con un'unica offerta egli ha reso perfetti per sempre quelli che sono santificati." (Ebrei 10:14); "Chi fa la volontà di Dio rimane in eterno." (1 Giovanni 2:17); "Egli vi renderà saldi sino alla fine, perché siate irreprensibili nel giorno del Signore nostro Gesù Cristo." (1 Corinzi 1:8:); "Questa è la volontà di colui che mi ha mandato: che io non perda nessuno di quelli che egli mi ha dati, ma che li risusciti nell'ultimo giorno." (Giovanni 6:39); "E quelli che ha predestinati li ha pure chiamati; e quelli che ha chiamati li ha pure giustificati; e quelli che ha giustificati li ha pure glorificati." (Romani 8:30); "Dio infatti non ci ha destinati a ira, ma ad ottenere salvezza per mezzo del nostro Signore Gesù Cristo" (1 Tessalonicesi 5:9); "Ma noi dobbiamo sempre ringraziare Dio per voi, fratelli amati dal Signore, perché Dio fin dal principio vi ha eletti a salvezza mediante la santificazione nello Spirito e la fede nella verità." (2 Tessalonicesi 2:13); "E ciò per far conoscere la ricchezza della sua gloria verso dei vasi di misericordia che aveva già prima preparati per la gloria" (Romani 9:23); "Perché i doni e la vocazione di Dio sono irrevocabili." (Romani 11:29); "Perciò egli può salvare perfettamente quelli che per mezzo di lui si avvicinano a Dio, dal momento che vive sempre per intercedere per loro." (Ebrei 7:25); "È anche per questo motivo che soffro queste cose; ma non me ne vergogno, perché so in chi ho creduto, e sono convinto che egli ha il potere di custodire il mio deposito fino a quel giorno." (2 Timoteo 1:12); "Se infatti, mentre eravamo nemici, siamo stati riconciliati con Dio mediante la morte del Figlio suo, tanto più ora, che siamo riconciliati, saremo salvati mediante la sua vita." (Romani 5:10); "E ho questa fiducia: che colui che ha cominciato in voi un'opera buona, la condurrà a compimento fino al giorno di Cristo Gesù." (Filippesi 1:6)? Come fai dunque ad affermare che c’è l’eventualità che uno che ha creduto possa scadere dalla grazia e andare in perdizione? Non è questo un controsenso?

13. Se un credente si svia dalla verità o dalla fede, Dio gli darà ancora sicuramente il ravvedimento, come glielo diede all’inizio quando credette?

14. Sono mai esistiti ed esistono tuttora dei credenti che hanno perduto la salvezza?

15. Un credente che commette suicidio sarà salvato lo stesso?

16. Perché la salvezza si ottiene per fede e non per opere?

17. Ora, tu dici che si viene salvati per fede e non per opere, ma dici pure che c’è una ricompensa o premio che Dio ci darà per le opere buone che abbiamo compiuto. Le cose non mi sono chiare, me le potresti dunque spiegare meglio?

18. Come furono salvati i santi dell’Antico Testamento? Per la loro fede o per le loro opere?

19. Il noto versetto biblico: "Credi nel Signor Gesù, e sarai salvato tu e la casa tua" (Atti 16:31), significa che quando uno crede in Gesù anche tutta la sua famiglia sarà salvata con lui?

20. Un essere umano che muore senza aver sentito parlare di Gesù Cristo, o meglio senza avere avuto l’opportunità di accettare Cristo, sarà condannato lo stesso?

21. Non credi che alla fine Dio nella sua grande misericordia salverà tutti?

22. Se Dio vuole che tutti gli uomini siano salvati come mai alla fine non salva tutti?

23. Non ho rubato, non ho ucciso nessuno, non ho commesso adulterio, di che cosa mi devo ravvedere?

24. Gli uomini hanno tutti una misura di fede?

25. Ho visitato il vostro sito, ho una domanda da porvi. Ho sentito parlare di vita nuova e di come Dio opera anche con l'unzione dei suoi fedeli con la potenza dello Spirito Santo. Di che si tratta e dove posso fare questa esperienza?

26. Quand'è che non si fa più parte del Corpo di Cristo? Può un pastore umano dire ad una persona che non frequenta più la sua comunità (ma che va in un'altra Chiesa, però libera), che non fa più parte del corpo di Cristo?

27. Se la predestinazione è assoluta, vuol dire allora che Dio predestina non solo a credere e a non credere, ma anche ad essere (tra chi crede) uno dei terreni descritti in Matteo 13, oppure quello dipende da noi? Ultimamente riflettendo sulla predestinazione sto avendo anche altre difficoltà, ad esempio una volta quando guardavo la gente per strada, grandi e piccoli, vedevo dei peccatori che Dio voleva salvare, ora invece mi rattristo perché li vedo divisi in due categorie: persone grandi e piccole che sono predestinate a non essere salvate, e altri ad essere salvati. Insomma, se dovessi parlare loro del Signore, non riuscirei più a dirgli che il Signore li ama, perché non so se il Signore li ama davvero e li ha scelti per essere salvati. Lo stesso accade quando il pastore dice dal pulpito che Dio ha amato il mondo al punto da dare Gesù e vuole salvare quanti più uomini è possibile; ritorna sempre quel pensiero della predestinazione. Come puoi vedere, mi sento piuttosto confuso.

28. Gli uomini sono tutti figli di Dio?

29. Cari fratelli, vi scrive una persona che certamente non ha né i meriti né i titoli per parlare approfonditamente di argomenti complessi come quelli che affrontate, ed in particolare, alla fondamentale questione della Salvezza: La sola fede in Cristo è la sola condizione per poter sperare nella salvezza? O, in qualche modo, anche le Opere sono una componente fondamentale? Pur consapevole, come detto, dei mie limiti, vi voglio però proporre una interpretazione che, mi sembra, unisce le due condizioni: La fede in Gesù è, incontestabilmente, condizione necessaria e sufficiente per la Salvezza, ma si può dire di avere veramente fede in Lui se non si seguono i suoi comandamenti? Certamente no! Gesù ci ha costantemente spinti ad essere fratelli l'un l'altro, e pertanto, come fanno i fratelli, dobbiamo operare sistematicamente per il bene del nostro prossimo: "Perché io ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere; ero forestiero e mi avete ospitato, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, carcerato e siete venuti a trovarmi" (Mt 25,35-36). Da questo si conclude che le Opere sono la dimostrazione pratica della nostra fede, e quindi senza di esse non c'è salvezza perchè non c'è vera fede. Con affetto, da un vostro fratello (convinto che chi senza volere sbaglia sarà comunque salvato, se costui si impegna nella ricerca di Dio e specialmente se opera costantemente per la diffusione della Sua Parola).

30. Ti confesso che non mi è ancora chiaro quando si può parlare di aver crocifisso nuovamente Cristo e quando si tratta di sviamento (per quanto grave esso sia) ed è dunque ancora possibile "riportare indietro un peccatore dall'errore della sua via". Mi chiedo anche se un credente che si allontana da Cristo, e poi si penta davvero, venga perdonato come Bracco scrive in "Parole di misericordia per il penitente dubbioso", oppure no perché ha oltraggiato Cristo. Ad esempio nel racconto della storia dei missionari Flood, nel sermone "Sei Arrabbiato con Dio?" di David Wilkerson, 16/02/1998, si parla di un missionario che in seguito a una prova abbandonò il Signore e si diede all'alcool, nutrendo un profondissimo rancore verso Dio e crescendo i figli al disprezzo verso di Lui. Poi, negli ultimi anni della sua vita, in seguito a un evento si pente e - stando alle parole del racconto contenuto nel sermone - viene ristorato dallo Spirito Santo. E poi sono confuso dal fatto che grandi predicatori come Whitefield, Spurgeon, e Bracco, così potentemente usati dallo Spirito, possano aver predicato dottrine errate per quanto riguarda il peccato, guidati da una sorta di "eccesso" di grazia; ma mi rendo conto che erano pur sempre uomini, e dunque non infallibili.

31. Se un credente viene liberato dal peccato come mai accade che egli talvolta pecchi ancora?

32. Voi dite che siete stati salvati, ma da che cosa siete stati salvati?

33. Perché dite che la salvezza, come anche la verità, è solo in Gesù Cristo? Perché questo esclusivismo? Perché non ammettete che si può essere salvati o che si può conoscere la verità anche senza credere in Gesù Cristo?

34. La nuova nascita è progressiva?

35. Ho sentito dire ad un pastore che noi Cristiani abbiamo sperimentato la prima resurrezione: è vero questo?

36. E’ normale che un Cristiano abbia paura della morte?

 

SÈTTE

1. Ho sentito parlare dei Bambini di Dio; chi sono?

2. (A proposito della stesura del mio libro contro il New Age). Come hai fatto a reperire tante notizie? Quanto è durata la tua ricerca?

3. Caro fratello Giacinto, volevo sapere cosa ne pensi di William Branham e delle sue dottrine; qualche fratello mi ha fatto notare che da qualche parte hai scritto in difesa delle stesse. Confesso che io non ho visto personalmente questi tuoi presunti pezzi, nè conoscevo Branham prima di oggi, ma da quel poco che ho avuto modo di leggere la sua ortodossia non mi sembra così limpida. Che ne pensi?

4. 'Caro Giacinto, stavo cercando qualcuno che sapesse dirmi di più su questo Paul C. Jong, di cui diffidavo già in partenza (anche la troppa magnanimità è sospetta...). Ho già sentito da altre parti commenti non benevoli su di lui, ma non ho avuto modo di approfondire; sai dirmi in cosa consiste la sua eresia, o la sua difformità dalla Scrittura?'

 

SODOMA E GOMORRA

1. Perché furono distrutte le città di Sodoma e Gomorra?

2. Corrono voci in questi giorni (ne ha dato notizia la rivista Religion Today) che qualcuno pensa di avere trovato i resti delle antiche città di Sodoma e Gomorra nei fondali del Mar Morto in Israele; è possibile che sia stata fatta questa scoperta archeologica il che confermerebbe l'esistenza di queste due città che alcuni pensano invece che siano simboliche?

 

SPIRITO SANTO

1. La bestemmia contro lo Spirito Santo chi la commette, e in che cosa consiste?

2. Ho notato che molti credenti cantano ALLO Spirito Santo: è biblico ciò che essi fanno?

3. Sono rimasto sconcertato dal fatto che dite che non si canta allo Spirito Santo. Allora chi canta in lingue vuol dire che non loda il Signore? Non credo che umanamente sia possibile cantare in lingue. Può essere un dono dello Spirito per lodare solo Dio?

4. Ma quando la Bibbia parla dei frutti dello Spirito si riferisce allo Spirito Santo o allo spirito rigenerato dell'uomo?

5. Che cosa significa che il Consolatore convincerà il mondo quanto alla giustizia e quanto al giudizio (Giovanni 16:8-11)?

 

SUPERSTIZIONI

1. Perché l'anello matrimoniale viene messo proprio all'anulare sinistro?

2. Perché a Capodanno molti mangiano le lenticchie?

3. Posso continuare a tenere come credente il ferro di cavallo sulla porta di casa?

4. Come mai alle nozze c'è l'usanza di gettare il riso sugli sposi?

5. Salve, caro fratello, ….. vorrei delle informazioni sulle stigmate se possibile, grazie

 

TESTIMONI DI GEOVA (domande fatte da loro)

1. Voi Evangelici da un lato proclamate l’unicità di Dio e dall’altro che Dio è una Trinità, non vi pare che questa sia una contraddizione? Come fa Dio ad essere Uno solo e nello stesso tempo formato da Tre persone?

2. Non sono convinto della dottrina della Trinità: se il Padre e il Figlio sono uguali, come mai in Giovanni 14:28 Gesù dice che il Padre è maggiore di lui? E un'affermazione simile la ritroviamo in 1 Corinti 11:3 in cui si nota la differenza tra i due anche quando Cristo è già risuscitato?

 

VANGELO

1. Che cosa significa la parola Vangelo?

 

VELO

1. Perché la donna deve velarsi il capo quando prega o profetizza?

2. Io, fratello, porto i capelli lunghi, devo anch’io velarmi il capo?

3. Gent.mo fratello Butindaro, ho un quesito in riferimento al 1 COR. 11 dove Paolo parla dell’usanza del velo alla donna. Sappiamo che la Bibbia si spiega con la Bibbia, ma in questo caso non ho trovato altri versetti specifici che possono ordinare l'uso del velo alle donne durante l’adorazione o il culto; quindi la mia ricerca è andata oltre. Avendo fatto una regolare ricerca fra commentari-dizionari biblici, uno studio fatto dalla sorella Rosa ed anche un pò di ricerca storica per capire meglio il periodo in cui Paolo scrisse questa lettera ai Corinzi, mi attesto a conseguire il seguente: ai giorni di Paolo la città di Corinto, in Grecia, era sotto il dominio romano, la popolazione superava il mezzo milione, in gran maggioranza pagani e ben noti per la vita estremamente depravata ed anche una pesante idolatria. L'influenza di questo ambiente si fece sentire nella nascente Chiesa tanto che fra i credenti predominava un'atmosfera carnale che dava luogo a disordini e divisioni. Paolo protesta contro tale situazione e, inviando questa lettera piena di riprensione, insiste sulla necessità di mantenere l'ordine, la moralità e la spiritualità ed una linea di condotta veramente cristiana. I santi di Corinto non si preoccupavano di manifestare nella loro condotta personale quel tenore di insegnamento esposto nella lettera ai Romani dimenticando che il cristiano deve considerarsi morto, sepolto e risuscitato con Cristo. Poiché varie tradizioni erano rappresentate nella Chiesa di Corinto era necessario chiarire l'atteggiamento Cristiano affinchè il culto si svolgesse con ordine (1Co 14,40). Le donne ebraiche quando pregavano si mettevano un velo sul capo ed anche le romane facevano lo stesso, ciò perché ai loro tempi la donna era sottomessa al marito ed era scandaloso che la donna si facesse vedere in pubblico a capo scoperto, era un disonore e per proteggere l'onore e la dignità davanti agli uomini ella si copriva il capo con il velo. Le donne greche, invece, erano ben dotate culturalmente ed erano abituate ad avere maggiore libertà delle donne ebree, questo portò scompiglio, poiché entrambe le culture erano ben rappresentate nella Chiesa di Corinto, e ciò come altri motivi portò disordine e controversie in Chiesa. Si precisa che al tempo di Paolo il non coprirsi il capo significava negare l'autorità del marito; c'è anche da ricordare che a Corinto gli uomini capelloni erano considerati pervertiti e le donne coi capelli corti prostitute; lo stesso per il velo poiché per gli ebrei non coprirsi il capo era considerato un segno di ribellione. Ecco perché Paolo cercò di mettere pace fra queste culture e consigliò alle donne greche di usare il velo durante l'adorazione al Signore o al culto. I capelli della donna dovevano essere più lunghi di quelli dell'uomo, ne segue che se una donna portava il velo si dimostrava disposta ad essere e a comportarsi secondo la volontà di Dio nei riguardi dell'uomo, poiché l'uomo e la donna sono stati fatti ad immagine di Dio ma la donna è stata fatta anche per la gloria dell'uomo e alla presenza di Dio ciò diventava vergognoso, e affinchè l'uomo non veniva disonorato la donna doveva usare il velo poiché lo doveva fare per il suo capo che era il marito, come segno di sottomissione. I credenti non dovevano senza necessità trascurare le convenzioni sociali, sebbene il loro parere debba basarsi su principi biblici. La soluzione di Paolo si basa sul suo desiderio di unità fra i membri della Chiesa che si evidenzia soprattutto durante l'adorazione, infatti lui mette in risalto l'ordine che deve esserci durante essa o al culto, senza creare disordini, confusioni e discordie. Dunque se le istruzioni specifiche che Paolo dà sono di tipo culturale (ad esempio, come indossare il velo), ciò perché egli stesso segue le consuetudini dell'onorabilità del tempo (infatti lo stesso Giudaismo prescriveva per le donne sposate di portare fuori casa un velo sul capo in segno di sottomissione e appartenenza al marito), i principi alla base sono immutabili, come ad esempio il rispetto per la propria moglie, la serietà, durante l'adorazione - culto e l'impegno per il Signore. Per questo motivo Paolo invitò le donne di cultura diversa ad indossare il velo, perché così facendo avrebbero evitato che la chiesa si dividesse a causa di una sciocchezza che induceva solo a distogliere la mente da Cristo, dato che essa era formata da diverse culture. Vestire in modo decoroso è un principio cristiano sempre valido, poiché l'appartenenza esteriore riflette l'atteggiamento interiore. Il modo in cui questo principio trova la sua espressione concretamente varia da luogo a luogo e da epoca a epoca, ed i credenti devono comportarsi in modo onorevole sempre in una comunità e comunque tutto varia secondo la cultura in cui vivono, l 'importante è non distogliere mai la mente da Cristo. Secondo quanto poco raccolto dai vari commentari non si evidenzia l'uso del velo sempre, quindi nella chiesa oggi, ma anzi si dovrebbe notare che in quell'epoca vi era un'usanza culturale a proposito di esso senz'altro diversa da oggi nella nostra cultura, sappiamo benissimo che in un'adorazione o culto bisogna essere vestiti decorosi sia per ordine che per non dare scandalo e chiacchiere in chiesa che porterebbero solo a distogliere la mente da Cristo. Paolo menzionò anche gli angeli affinchè potessero meglio capire che l'ordine era molto importante per Cristo, poiché se una donna scandalizzava gli uomini scandalizzava anche gli angeli che essendo guardiani dell'ordine della creazione erano quindi presenti all'adorazione e culto (1 Tim 5,21). Ancora mi accingo a ripetere che in quella città piena d'immoralità, quindi pessimo ambiente per la nascita di una nuova chiesa, i membri di quella chiesa portarono dentro la Chiesa varie culture, creando discordie, disordini, con la possibilità di una divisione. Oggi anche noi possiamo dire ci sono diverse culture e che la Chiesa in base a dove nasce può avere delle usanze all'interno per adorare o durante al culto. Ma se due diverse culture si unissero, cosa succederebbe? Sicuramente all'ultimo arrivato si cerca di far capire che non può portare all'interno usanze ma si cerca di trovare un'incontro, a meno che non si dimostra biblicamente che ciò è accettevole a Dio. Se il non usare il velo non è offesa a DIO e non è neppure accettevole, cosa oggi significa portare il velo se non è dottrina? Non ha senso usare un simbolo per l'invisibile perché l'invisibile lo sa che noi siamo sottomessi a Cristo oppure no, ed agli altri non lo dobbiamo dimostrare perché i seguaci di Cristo non devono a parer mio applicare un usanza che a Dio non serve poiché egli stesso altrimenti lo avrebbe comandato, ed in più passi oggi noi lo ritroveremmo. So di essere giovane nella fede ed è per questo che vorrei capire, ma con la Scrittura e con la mia ricerca non ho trovato altri passi che confermano che devo usare il velo sempre. Ho chiesto alla mia comunità perché alcuni lo usano ed altri no e mi hanno risposto che è facoltativo. Non vorrei che diventasse un’usanza se non è obbligatorio, poiché la Chiesa di Cristo a mio avviso non deve avere usanze, io vorrei però seguire ciò che Cristo ci dice, vi faccio questa richiesta per riuscire a capire bene quello che Dio vuole da me e da tutti. Vengo dal cattolicesimo e non vorrei seguire più istruzioni umane ma divine, cioè vorrei capire meglio il concetto secondo la Parola di Dio. Spero di avere dei chiarimenti da voi se ciò non è un disturbo. Grazie

4. Il velo è importante che le donne lo portino? Alcuni pastori affermano il contrario, addirittura dicono che il velo è un eresia.

5. Pace! Mi trovo qui per chiederti una opinione sui Mennoniti. Ho fatto una piccola ricerca e a quanto pare sono dei Cristiani molto conservatori, che danno molta importanza alla modestia (sopratutto nel campo dell'abbigliamento). Ho anche scoperto che in America ci sono delle sorelle luterane che seguono con estrema fedeltà gli insegnamenti biblici sulla modestia. queste sorelle portano anche una specie di velo sul capo tutto il giorno. Ultimamente mi sono fermata a riflettere sul fatto che in ogni momento della giornata una donna può mettersi in preghiera e quindi deve indossare il velo, quindi perché non indossarlo tutto il giorno? Neanche a farlo apposta ho trovato queste sorelle che hanno confermato il mio modo di pensare. Ti ringrazio per l'attenzione e che Dio ti benedica grandemente.

 

INDICE

 

 Torna indietro